IV Commissione - Giovedý 29 giugno 2006


Pag. 30

ALLEGATO 1

Legge comunitaria 2006 (C. 1042 Governo).

RELAZIONE APPROVATA DALLA COMMISSIONE

La IV Commissione,
esaminato per la parte di propria competenza il disegno di legge recante «Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee-Legge comunitaria 2006» (C. 1042);
premesso che:
l'articolo 8, comma 5, della legge n. 11 del 2005 impone l'obbligo alla relazione al disegno di legge comunitaria di riferire sullo stato di conformità dell'ordinamento interno al diritto comunitario e sullo stato di eventuali procedure di infrazione;
dalla relazione illustrativa al presente disegno di legge risulta che tra le procedure di infrazione ufficialmente aperte nei confronti del Governo italiano ve ne è una che riguarda il ministero della difesa (n. 1999/4239);
la Commissione europea con tale procedura ha contestato al Governo italiano la non conformità al principio comunitario di non discriminazione in base al sesso nell'accesso al lavoro del sistema di reclutamento del personale femminile nelle Forze armate per «aliquote d'ingresso» definite annualmente;
valutata pertanto positivamente la disposizione di cui all'articolo 26 della legge n. 29 del 2006 (legge comunitaria 2005) che, al fine di superare la questione oggetto della citata procedura, ha stabilito che il Ministro della difesa, acquisito il parere della Commissione per le pari opportunità tra uomo e donna, possa prevedere limitazioni all'arruolamento del personale militare femminile soltanto in presenza di motivate esigenze connesse alla funzionalità di ciascuna Forza armata;
ravvisata comunque l'esigenza che il Ministro della difesa si attenga ad una puntuale applicazione della citata disposizione, stabilendo limitazioni all'arruolamento del personale militare femminile esclusivamente in presenza delle motivate esigenze richiamate dalla disposizione stessa;

DELIBERA DI RIFERIRE FAVOREVOLMENTE.


Pag. 31

ALLEGATO 2

Relazione sulla partecipazione dell'Italia all'Unione europea (Doc. LXXXVII, n. 1).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La IV Commissione,
esaminata per la parte di propria competenza la «Relazione sulla partecipazione dell'Italia all'Unione europea per l'anno 2005» (Doc. LXXXVII, n. 1);
premesso che lo sviluppo della Politica Europea di Difesa ha visto l'Unione Europea nell'anno 2005 partecipe dei processi di gestione delle crisi, attraverso numerose missioni civili e militari con finalità molto diverse tra loro che vanno dal mantenimento della pace, all'assistenza e consulenza nel settore militare e alle forze di polizia, nonché al controllo delle frontiere;
ravvisata pertanto l'opportunità di esaminare le questioni concernenti la PESD che emergono dalla presente relazione congiuntamente alla questione più generale relativa al coinvolgimento delle Forze armate italiane in missioni internazionali;
valutata positivamente la piena disponibilità manifestata dal rappresentante del Governo a fornire alla Commissione Difesa, nelle sedi più opportune, informazioni esaustive sulle caratteristiche di ciascuna missione internazionale con particolare riguardo alla loro natura e alla loro efficacia;
esprime

PARERE FAVOREVOLE.