IV Commissione - Resoconto di mercoledý 26 luglio 2006


Pag. 68

SEDE CONSULTIVA

Mercoledì 26 luglio 2006. - Presidenza del vicepresidente Elettra DEIANA. - Interviene il sottosegretario di Stato per la difesa, Emidio Casula.

La seduta comincia alle 14.35.

Sui lavori della Commissione.

Elettra DEIANA, presidente, avverte che sarà calendarizzato, per le ore 8.30, della giornata di domani, per il parere alle Commissioni riunite V e VI, il decreto-legge n. 223 del 2006, recante disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonché interventi in materia di entrate e di contrasto all'evasione fiscale (C. 1475 Governo, approvato dal Senato). Al temine avrà luogo la riunione dell'Ufficio di Presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, e si svolgeranno le interrogazioni a risposta immediata in Commissione.

Rendiconto generale dell'Amministrazione dello Stato per l'esercizio finanziario 2005.
(C. 1253 Governo).

Disposizioni per l'assestamento del bilancio dello Stato e dei bilanci delle Amministrazioni autonome per l'anno finanziario 2006.
(C. 1254 Governo).

Tabella n. 12: Stato di previsione del Ministero della difesa.
(Relazione alla V Commissione).
(Seguito dell'esame congiunto e conclusione - Relazione favorevole sul rendiconto 2005 e Relazione favorevole, con osservazione, sull'assestamento 2006).

La Commissione prosegue l'esame congiunto, rinviato nella seduta del 25 luglio 2006.


Pag. 69

Elettra DEIANA, presidente, avverte che non sono state presentate proposte emendative riferite ai disegni di legge in esame.

Donatella DURANTI (RC-SE) ritiene che le risorse aggiuntive stanziate dal disegno di legge di assestamento per il ministero della difesa risultino insufficienti a porre rimedio ai gravi problemi di bilancio determinati dai tagli imposti dal disegno di legge finanziaria 2006. Infatti, se da un lato una parte delle risorse tagliate è stata compensata dai finanziamenti previsti dalla legge n. 51 del 2006, dall'altro lato, nuovi tagli si sono abbattuti sulla Difesa, per effetto decreto-legge n. 223 del 2006. Tale situazione sta determinando conseguenze negative sulle capacità operative dello strumento militare nonché sulle attività economiche delle imprese, che supportano le Forze armate mediante l'erogazione di servizi, e sui relativi rapporti di lavoro. Cita a titolo di esempio il caso delle imprese di pulizia, manovalanza, manutenzione, i cui dipendenti in conseguenza dei tagli imposti al ministero della difesa, stanno soffrendo una grave crisi occupazionale, nonché quello del personale docenti del ministero della difesa.
A questo riguardo, chiede pertanto al Governo un impegno affinché nel corso dell'iter di approvazione del disegno di legge di assestamento vengano individuate ulteriori risorse da destinare ai predetti servizi e al personale docente. Ricorda peraltro che il Governo stesso, nella seduta della Commissione difesa del 13 luglio 2006, nel rispondere ad una interrogazione a una risposta immediata a sua firma, aveva dichiarato che i nuovi tagli alla Difesa apportati dal decreto-legge n. 223 del 2006, se non corretti in sede di assestamento, vanificherebbero, per l'anno in corso, gli sforzi finora compiuti dall'amministrazione per andare incontro alle parti sociali.

Il sottosegretario di Stato Emidio CASULA assicura che il Governo, consapevole dei numerosi problemi di carattere economico-sociale, che potrebbero derivare da stanziamenti inadeguati, assumerà ogni utile iniziativa affinché possano essere integrate, nel corso dell'esame del disegno di legge di assestamento, le risorse del ministero della difesa da destinare alle finalità indicate dal deputato Duranti.

Giovanni CREMA (RosanelPugno), nell'illustrare le sue proposte di relazione sui provvedimenti in esame, sottolinea che esse tengono conto degli elementi emersi nel corso del dibattito.
In particolare, evidenzia che la proposta di relazione sul rendiconto 2005, con riferimento al problema delle dismissioni degli immobili, accoglie le indicazioni formulate durante l'esame del provvedimento dai deputati Papini, Cossiga e Bosi.

Andrea PAPINI (Ulivo), nell'esprimere apprezzamento per la proposta di parere del relatore, sottolinea l'esigenza di approfondire in Commissione la questione delle dismissioni immobiliari, in merito alla quale comunque ribadisce la sua ferma contrarietà a misure di incentivo per le singole amministrazioni.

Elettra DEIANA, presidente, nel concordare con la richiesta di approfondimento sul tema delle dismissioni del deputato Papini, fa presente che avrà cura di trasmettere la richiesta stessa al Presidente Pinotti.

Francesco BOSI (UDC) preannuncia, anche a nome del suo gruppo, il voto favorevole sulla proposta di relazione favorevole relativa al rendiconto 2005 e l'astensione sulla proposta di relazione concernente l'assestamento 2006. In particolare, l'astensione è motivata dal fatto che l'assestamento, pur integrando le risorse a disposizione della Difesa, non le incrementa nella misura che sarebbe invece necessaria alle effettive esigenze.

Giuseppe COSSIGA (FI) si associa alle valutazioni del deputato Bosi.


Pag. 70

Pierfrancesco Emilio Romano GAMBA (AN) preannuncia, anche a nome del suo gruppo, il voto favorevole sulla proposta di relazione concernente il rendiconto 2005, non solo perché quest'ultimo è frutto della gestione del precedente Governo, ma anche perché concorda con l'impostazione della proposta del relatore. Preannuncia invece l'astensione sia perché non condivide alcune considerazioni in essa riportate sia perché riterrebbe necessaria un'ulteriore integrazione delle risorse destinate alla Difesa.

Massimo NARDI (DC-PS), preannuncia, anche a nome del suo gruppo, il voto favorevole sulla proposta di relazione concernente il rendiconto 2005, e l'astensione sulla proposta di relazione relativa all'assestamento 2006, a causa delle insufficienti risorse stanziate dal citato provvedimento

Nessun altro chiedendo di intervenire, la Commissione approva la proposta del relatore di riferire in senso favorevole alla V Commissione sul disegno di legge recante il rendiconto generale dello Stato per l'anno finanziario 2005, relativamente alla tabella 12 (vedi allegato 1); quindi approva la proposta del relatore di riferire in senso favorevole, con osservazione, sul disegno di legge recante l'assestamento del bilancio dello Stato per l'anno finanziario 2006, relativamente alla tabella 12 (vedi allegato 2), nominando il deputato Giovanni CREMA relatore presso la V Commissione su entrambi i provvedimenti.

La seduta termina alle 15.