VIII Commissione - Resoconto di giovedý 8 febbraio 2007


Pag. 80



AUDIZIONI INFORMALI

Giovedì 8 febbraio 2007.

Audizione di rappresentanti dell'ANCI sulle problematiche derivanti dall'attuazione del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo n. 163 del 2006.

L'audizione informale si è svolta dalle 14.05 alle 14.30.

INTERROGAZIONI A RISPOSTA IMMEDIATA

Giovedì 8 febbraio 2007. - Presidenza del vicepresidente Mauro CHIANALE. - Interviene il sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare, Laura Marchetti.

La seduta comincia alle 14.30.


Pag. 81

Sull'ordine dei lavori.

Mauro CHIANALE, presidente, considerate le richieste provenienti da numerosi rappresentanti di Gruppo, propone, se non vi sono obiezioni, di procedere ad un'inversione dell'ordine del giorno, nel senso di svolgere subito la seduta dedicata alle interrogazioni a risposta immediata e, quindi, di passare alla prevista seduta in sede consultiva.

La Commissione concorda.

Mauro CHIANALE, presidente, comunica conseguentemente che si passerà ora allo svolgimento di interrogazioni a risposta immediata, che, come concordato nell'ambito dell'Ufficio di Presidenza integrato dai rappresentanti dei gruppi, hanno ad oggetto questioni concernenti la protezione dell'ambiente e la tutela del territorio.
Ricorda altresì che, ai sensi dell'articolo 135-ter, comma 5, del Regolamento, la pubblicità delle sedute per lo svolgimento delle interrogazioni a risposta immediata è assicurata anche tramite la trasmissione attraverso l'impianto televisivo a circuito chiuso. Ne dispone, pertanto, l'attivazione.

5-00682 Foti: Procedura di sdemanializzazione nel comune di Piacenza.

Tommaso FOTI (AN) rinuncia ad illustrare l'interrogazione in titolo.

Il sottosegretario Laura MARCHETTI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 1).

Tommaso FOTI (AN) si dichiara soddisfatto della risposta del Governo.

5-00677 Picano: Bonifica del sito di Cassino.

Angelo PICANO (Pop-Udeur) illustra l'interrogazione in titolo, sottolineando che occorre comprendere quali siano gli orientamenti del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare in merito alla bonifica del sito di Cassino, che ha peraltro costituito oggetto di due ordini del giorno presentati dal suo gruppo nel corso dell'esame del disegno di legge finanziaria per il 2007, entrambi accolti dal Governo.

Il sottosegretario Laura MARCHETTI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 2).

Angelo PICANO (Pop-Udeur) ritiene di non potersi dichiarare soddisfatto della risposta del Governo, in quanto agli interroganti era già noto che ci fossero problemi per gli interventi di bonifica, mentre la notizia che si voleva acquisire riguardava l'eventuale disponibilità di risorse da utilizzare a tal fine. A suo giudizio, quindi, occorre che il Ministero proceda quanto prima all'individuazione delle aree da bonificare, anche in collaborazione con le altre amministrazioni centrali, nonché allo stanziamento delle somme finanziarie occorrenti. Ciò consentirebbe, peraltro, di dare risposte concrete alle popolazioni locali, che annettono particolare importanza ai descritti interventi.

5-00679 Stradella: Trasporto di materiali contenenti amianto.

Franco STRADELLA (FI) rinuncia ad illustrare l'interrogazione in titolo.

Il sottosegretario Laura MARCHETTI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 3).

Franco STRADELLA (FI) prende atto della risposta del Governo, osservando che essa può considerarsi esauriente e completa. Auspica, inoltre, che il decreto richiamato dal sottosegretario possa essere emanato al più presto, anche al fine di dare certezze agli operatori del settore portuale, che hanno bisogno di risolvere con serietà un problema particolarmente sentito.


Pag. 82

5-00680 Adolfo: Modalità per il prelievo idrico dal fiume Gari.

Anna Teresa FORMISANO (UDC), cofirmataria dell'interrogazione in titolo, ne illustra il contenuto, sottolineando che sul territorio di Cassino esistono rilevanti problemi legati al verificarsi di fenomeni di subsidenza. Tali problemi sono aggravati dal prelievo di acque che la regione Campania, per il tramite di una sua concessionaria, effettua in modo estremamente preoccupante. Di fronte a tale situazione, il comune di Cassino si è attivato per richiedere la rapida cessazione dei prelievi; tuttavia, l'ente che gestisce le captazioni continua tuttora a prelevare una quantità di acqua superiore a quella assentita in via provvisoria. Ritiene, dunque, necessario che il Governo si adoperi per porre in essere ogni possibile iniziativa finalizzata a risolvere tale questione.

Il sottosegretario Laura MARCHETTI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 4).

Anna Teresa FORMISANO (UDC) si dichiara insoddisfatta della risposta del Governo, che elude il nucleo centrale delle questioni poste nell'interrogazione in titolo. In particolare, lamenta la totale assenza di un orientamento ministeriale in ordine alle richieste formulate dal comune di Cassino. Preannuncia, pertanto, l'intenzione di continuare a seguire da vicino l'intera vicenda, anche mediante l'eventuale adozione di nuove iniziative parlamentari in materia.

5-00676 Pedulli: Procedura di VIA per una Centrale di cogenerazione nel comune di Forlì.

Giuliano PEDULLI (Ulivo) illustra l'interrogazione in titolo, sottolineando che occorre acquisire la posizione del Ministero competente in relazione alla richiesta di costruzione di un impianto di cogenerazione che dovrebbe sorgere nelle immediate vicinanze di alcune popolosi quartieri della città di Forlì. Poiché, infatti, tutte le autonomie territoriali si sono pronunciate contro la realizzazione dell'impianto, auspica che analogo orientamento possa essere adottato dalle amministrazioni centrali.

Il sottosegretario Laura MARCHETTI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 5).

Giuliano PEDULLI (Ulivo) prende atto della risposta del Governo, osservando che essa prospetta, al momento, una situazione interlocutoria. Nel ribadire la forte contrarietà delle istituzioni locali rispetto al progetto, si augura che il Ministero competente tenga nella massima considerazione le istanze che emergono a livello territoriale, considerato anche che la regione Emilia Romagna ha già dato il proprio assenso alla realizzazione di altri impianti in zone limitrofe; ciò dovrebbe, dunque, testimoniare il forte contributo che questa area del Paese ha già fornito al fabbisogno energetico nazionale.

5-00681 Misiti: Monitoraggio dei gas inquinanti nelle regioni italiane.

Aurelio Salvatore MISITI (IdV) illustra l'interrogazione in titolo, sottolineando che essa intende porre l'attenzione sulle zone più industrializzate del Paese, se è vero che il traffico automobilistico incide sulla qualità dell'aria per non più del 35 per cento del totale delle emissioni in atmosfera. Poiché, dunque, il resto delle emissioni deriva dall'attività industriale, ritiene necessario rivalutare l'organizzazione di tale attività sul territorio nazionale, considerato anche che i principali produttori sono localizzati in aree ben precise, per le quali occorre affrontare in modo concreto il problema dell'inquinamento atmosferico. Per tali motivi, giudica opportuno che il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare effettui un attento monitoraggio delle emissioni di gas ad


Pag. 83

effetto serra sul territorio italiano, disaggregando i dati di rilevazione per macro-aree regionali, in modo da verificare le differenze esistenti ed intervenire con le necessarie misure.

Il sottosegretario Laura MARCHETTI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 6).

Aurelio Salvatore MISITI (IdV) ringrazia il rappresentante del Governo per la tempestività della risposta, che giudica puntuale ed esauriente. Si riserva, quindi, di presentare una nuova interrogazione sulla materia, con la quale acquisire più specifici dati ed elementi di valutazione.

5-00678 Acerbo: Nomina del Presidente del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.

Maurizio ACERBO (RC-SE) illustra l'interrogazione in titolo, rilevando che i ritardi nella nomina del dottor Rossi alla presidenza del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise sta destando forti perplessità nelle comunità locali. In particolare, occorre comprendere come il Ministro competente intenda risolvere i problemi derivanti dalla mancata intesa con la regione Molise in ordine alla predetta candidatura.

Il sottosegretario Laura MARCHETTI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 7).

Maurizio ACERBO (RC-SE) prende atto della risposta del Governo, osservando che la richiamata sentenza della Corte Costituzionale riguarda il caso del commissariamento di un parco e non quello della nomina di un presidente. Nel reputare, pertanto, necessario aprire un confronto sulle questioni procedurali relative alle modalità di nomina dei vertici degli Enti parco nazionali, confida che il preannunciato incontro tra ministero e regione Molise possa finalmente sbloccare la difficile situazione che si è venuta a creare, per la quale auspica l'assenza di atteggiamenti ostruzionistici a livello regionale. Sottolinea, infatti, l'estrema validità della candidatura del dottor Rossi, che appare la figura più idonea a promuovere il rilancio del Parco, in un'ottica di forte valorizzazione di tutte le aree in esso ricadenti.

Mauro CHIANALE, presidente, dichiara concluso lo svolgimento delle interrogazioni in titolo.

La seduta termina alle 15.15.

SEDE CONSULTIVA

Giovedì 8 febbraio 2007. - Presidenza del vicepresidente Mauro CHIANALE. - Interviene il sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare, Laura Marchetti.

La seduta comincia alle 15.15.

Nuove norme in materia di dispersione e di conservazione delle ceneri.
Nuovo testo C. 1268 Zanotti.
(Parere alla XII Commissione).
(Esame e conclusione - Parere favorevole con condizione).

La Commissione inizia l'esame.

Maurizio ACERBO (RC-SE), relatore, osserva che la Commissione è chiamata ad esprimere il parere di competenza su una proposta di legge particolarmente rilevante, che intende colmare un vuoto normativo creatosi dopo l'approvazione della legge n. 130 del 2001. Soltanto cinque regioni, infatti, hanno legiferato sulla materia dopo l'approvazione della legge statale e, allo stesso tempo, non è stato apportato il necessario aggiornamento al regolamento attuativo in tema di polizia mortuaria. Rileva, quindi, che la XII Commissione della Camera ha ora deciso di


Pag. 84

intervenire sull'argomento, che investe temi di elevato valore simbolico, peraltro già oggetto di famose opere cinematografiche, quale ad esempio il film dei fratelli Coen, «Il Grande Lebowski», che giudica di fondamentale importanza per comprendere la specificità del fenomeno della dispersione delle ceneri.
Segnala che la nuova disciplina proposta dalla Commissione di merito risulta particolarmente appropriata e che, per le parti di più diretto interesse della VIII Commissione, appare ispirata a condivisibili principi di libertà. Fa presente, poi, che il comma 4 dell'articolo 1 pone limiti alla dispersione in natura delle ceneri, che fanno riferimento al rispetto dei diritti individuali altrui ed alla tutela di specifici vincoli ambientali; in ordine a tale disposizione, ritiene peraltro opportuno richiamare l'esigenza di un coordinamento con le norme contenute nella citata legge n. 130 del 2001.
In conclusione, presenta una proposta di parere favorevole con condizione (vedi allegato 8).

Il sottosegretario Laura MARCHETTI dichiara di condividere la proposta di parere del relatore.

Aurelio Salvatore MISITI (IdV), pur condividendo la proposta di parere del relatore, intende sottolineare che l'eventuale estensione del fenomeno della dispersione delle ceneri potrebbe, in futuro, porre significativi problemi in relazione alla potenziale nocività dei residui organici. Invita, pertanto, la Commissione a segnalare tale problema alla Commissione di merito.

Il sottosegretario Laura MARCHETTI, nel riconoscere la fondatezza dei rilievi formulati dal deputato Misiti, osserva tuttavia che gli effetti nocivi nell'ambito delle emissioni potrebbe anzitutto essere risolto con l'adozione di stili quotidiani di vita ispirati alla compatibilità ambientale.

Maurizio ACERBO (RC-SE), relatore, ribadisce l'esigenza che si intervenga urgentemente sulla legislazione vigente, per evitare che l'attuazione dei principi richiamati avvenga in un pericoloso vuoto giuridico. Ritenendo, tuttavia, che la questione posta dal deputato Misiti sia certamente seria, auspica che la Commissione possa attivare adeguati approfondimenti conoscitivi sull'argomento, anche coinvolgendo le autorità competenti. Per il momento, giudica comunque opportuno limitarsi alla segnalazione di tale problema alla Commissione di merito, che potrà attentamente valutare i suddetti profili.
Presenta conseguentemente una nuova versione della proposta di parere favorevole con condizione (vedi allegato 9), finalizzata a recepire le indicazioni emerse dal dibattito.

La Commissione approva, quindi, la nuova versione della proposta di parere del relatore.

La seduta termina alle 15.30.