XII Commissione - Resoconto di giovedý 21 giugno 2007


Pag. 93

SEDE REFERENTE

Giovedì 21 giugno 2007. - Presidenza del presidente Mimmo LUCÀ.

La seduta comincia alle 14.

Istituzione di una Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori in campo sanitario.
DOC. XXII, n. 8 Palumbo.
(Seguito dell'esame e rinvio).

Leopoldo DI GIROLAMO (Ulivo), relatore, intervenendo sull'ordine dei lavori, annuncia di aver presentato una proposta di legge per l'istituzione di una Commissione bicamerale d'inchiesta su materia in parte coincidente con quella del provvedimento in titolo. Chiede pertanto che l'esame del provvedimento in titolo sia rinviato ad altra seduta, affinché la Commissione possa valutare i contenuti della nuova proposta di legge.

Mimmo LUCÀ, presidente, fa presente che le due proposte costituiscono atti formalmente diversi, proponendo l'una l'istituzione di una Commissione d'inchiesta bicamerale, l'altra di una Commissione monocamerale. Risulta pertanto impraticabile, sotto il profilo procedurale, il loro abbinamento.

Leopoldo DI GIROLAMO (Ulivo), relatore, precisa che la sua proposta di legge


Pag. 94

è volta a istituire una Commissione d'inchiesta bicamerale, che approfondisca sia i temi oggetto della Commissione d'inchiesta già istituita presso il Senato, sia il problema degli errori in campo sanitario, su cui verte la proposta in esame. Ritiene pertanto che debba essere comunque affrontato il problema del coordinamento tra la proposta in esame e la proposta di legge di cui è primo firmatario.

Giuseppe PALUMBO (FI) rileva che, come ha chiarito il presidente, le due proposte in discorso non possono essere formalmente abbinate. Cita quindi l'articolo 141, comma 3, del regolamento, chiedendo che la Commissione valuti la possibilità che la Commissione d'inchiesta già istituita presso il Senato e quella di cui il provvedimento in esame propone l'istituzione procedano in modo congiunto.

Mimmo LUCÀ, presidente, fermo restando quanto precedentemente affermato con riguardo alla possibilità di un formale abbinamento tra le due proposte, rileva che esse prevedono l'istituzione di due distinti organismi, i quali appaiono difficilmente compatibili. Il problema di un coordinamento tra le procedure di esame delle due proposte deve dunque essere affrontato.

Domenico DI VIRGILIO (FI) osserva che la Commissione può procedere a esaminare distintamente le due proposte in questione, stabilendo successivamente a quale delle due dare seguito. Dichiara altresì che, a quanto gli risulta, presso il Senato non sussisterebbero le condizioni per l'istituzione di una Commissione d'inchiesta bicamerale, come proposto dal relatore, in sostituzione di quella già istituita presso quel ramo del Parlamento.

Leopoldo DI GIROLAMO (Ulivo), relatore, anche alla luce delle considerazioni svolte dai colleghi, propone di rinviare il seguito dell'esame al fine di consentire un approfondimento degli aspetti procedurali emersi.

Giuseppe PALUMBO (FI) ritiene che la questione di fondo consista nella scelta di quale delle due proposte debba essere approvata. Ribadisce comunque l'esigenza di procedere all'istituzione di una Commissione d'inchiesta sugli errori in campo sanitario. Pur non essendo contrario al rinvio proposto dal relatore, sottolinea l'esigenza che la Commissione concluda rapidamente l'esame della proposta in titolo.

Elisabetta RAMPI (Ulivo) dichiara di condividere la proposta formulata dal relatore.

Salvatore MAZZARACCHIO (FI), preso atto dell'impossibilità di procedere al formale abbinamento delle due proposte, ribadisce l'esigenza che la Camera dei deputati proceda speditamente all'istituzione di una Commissione d'inchiesta sugli errori in campo sanitario, ricordando altresì come la spesa sanitaria rappresenti una percentuale elevatissima dei bilanci regionali.

Mimmo LUCÀ, presidente, propone di rinviare il seguito dell'esame ad altra seduta, al fine di consentire un approfondimento degli aspetti procedurali emersi nel corso del dibattito, anche in sede di ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi.

La Commissione concorda.

La seduta termina alle 14.25.

INTERROGAZIONI A RISPOSTA IMMEDIATA

Giovedì 21 giugno 2007. - Presidenza del presidente Mimmo LUCÀ, indi del vicepresidente Luisa CAPITANIO SANTOLINI. - Interviene il sottosegretario di Stato per le politiche per la famiglia Maria Chiara Acciarini.

La seduta comincia alle 14.25.

Mimmo LUCÀ, presidente, ricorda che, ai sensi dell'articolo 135-ter, comma 5, del


Pag. 95

regolamento, la pubblicità delle sedute per lo svolgimento delle interrogazioni a risposta immediata è assicurata anche tramite la trasmissione attraverso l'impianto televisivo a circuito chiuso. Dispone, pertanto, l'attivazione del circuito.

5-00798 Barani: Tutela delle famiglie a basso reddito con più figli a carico.

Lucio BARANI (DCA-NPSI) illustra l'interrogazione in titolo, evidenziando il rischio che gli interventi del Governo in materia fiscale producano una sorta di progressività alla rovescia delle imposte, a danno delle famiglie a basso reddito più numerose.

Il sottosegretario Maria Chiara ACCIARINI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 1).

Lucio BARANI (DCA-NPSI), replicando, si dichiara insoddisfatto. Osserva infatti che la condizione economica delle famiglie italiane, specie nelle grandi città, si è andata progressivamente aggravando negli ultimi anni, a causa di una molteplicità di fattori che il Governo non è stato in grado di contrastare.

5-01163 Dioguardi: Tutela dei diritti delle madri in difficoltà.

Daniela DIOGUARDI (RC-SE) illustra l'interrogazione in titolo, volta ad acquisire la posizione del Governo in merito alla tutela dei diritti delle madri in difficoltà e all'eventuale necessità di integrazioni della disciplina vigente in materia di case famiglia e di adozioni.

Il sottosegretario Maria Chiara ACCIARINI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 2).

Daniela DIOGUARDI (RC-SE), replicando, si dichiara parzialmente soddisfatta. Osserva che si tratta di materia complessa e delicata e richiama la necessità che siano rivisti i criteri per la scelta dei periti, con particolare riferimento alla consulenza psicologica. In aggiunta alle iniziative che si rendono necessarie sotto il profilo normativo, ritiene che il Ministro delle politiche per la famiglia debba promuovere iniziative volte a sensibilizzare sul piano culturale gli operatori del settore. Sottolinea infine il costo elevato delle case famiglia e suggerisce l'opportunità di una riflessione sulle diverse soluzioni che sarebbe possibile attuare con le risorse attualmente destinate alle case famiglia medesime.

5-01165 Capitanio Santolini: Ammontare delle risorse dell'extragettito destinate al sostegno delle famiglie numerose meno abbienti.

Luisa CAPITANIO SANTOLINI (UDC) illustra l'interrogazione in titolo, sottolineando l'esigenza che il Governo faccia chiarezza su quale seguito intenda dare agli impegni assunti dal Presidente del Consiglio nel corso della recente Conferenza nazionale sulla famiglia, svoltasi a Firenze.
Evidenzia altresì le conseguenze derivanti dall'aumento della pressione tributaria locale a carico delle famiglie.

Il sottosegretario Maria Chiara ACCIARINI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 3).

Luisa CAPITANIO SANTOLINI (UDC), replicando, si dichiara insoddisfatta. Ritiene che per realizzare tutte le iniziative indicate dal rappresentante del Governo sarebbero necessari stanziamenti superiori a dieci miliardi di euro. Si dichiara altresì convinta che la prossima legge finanziaria non sarà in grado di reperire le risorse necessarie. Ricorda infine che, nel corso della citata Conferenza nazionale sulla famiglia, il Governo si era impegnato ad assumere precise iniziative in materia fiscale a favore delle famiglie.


Pag. 96

5-01164 Di Virgilio: Misure per contrastare il fenomeno degli abusi sessuali sui minori.

Domenico DI VIRGILIO (FI) rinuncia ad illustrare l'interrogazione in titolo.

Il sottosegretario Maria Chiara ACCIARINI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 4).

Domenico DI VIRGILIO (FI), replicando, si dichiara parzialmente soddisfatto. Prende atto con favore della severa condanna del rappresentante del Governo nei confronti dei fenomeni denunciati nell'interrogazione in titolo e invita il Governo a valutare l'opportunità di istituire un numero verde dedicato a ricevere le segnalazioni di abusi sui minori. Ritiene altresì che la meritoria azione di vigilanza della polizia postale debba essere potenziata. Osserva infine che, nella risposta, il sottosegretario Acciarini non ha fatto cenno all'importanza dell'educazione sessuale nelle scuole ai fini di una più incisiva azione di contrasto della pedofilia.

5-01166 Poretti: Ulteriore proroga dell'entrata in vigore della legge 28 marzo 2001, n. 149.

Donatella PORETTI (RosanelPugno) illustra l'interrogazione in titolo, volta ad acquisire la posizione del Governo in ordine all'eventuale proroga dell'entrata in vigore della legge n. 149 del 2001, ovvero alla sua attuazione.

Il sottosegretario Maria Chiara ACCIARINI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 5).

Donatella PORETTI (RosanelPugno), replicando, si dichiara parzialmente soddisfatta. Osserva che il Governo dovrebbe impegnarsi a dare rapida attuazione alla legge in discorso, sottolineando come la mancata istituzione dell'avvocato difensore del minore introduca un'ulteriore discriminazione a danno dei figli nati al di fuori del matrimonio: infatti, soltanto se i genitori sono sposati, la competenza per le questioni relative ai figli spetta al tribunale ordinario, con la conseguente possibilità della nomina di un avvocato d'ufficio. Tale possibilità non sussiste, invece, nel caso dei tribunali dei minori, competenti per le questioni relative ai figli di genitori non sposati.

Luisa CAPITANIO SANTOLINI, presidente, dichiara concluso lo svolgimento delle interrogazioni all'ordine del giorno.

La seduta termina alle 15.05.

UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI

L'ufficio di presidenza si è riunito dalle 15.05 alle 15.10.