XI Commissione - Resoconto di marted́ 2 ottobre 2007


Pag. 115

COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE

Martedì 2 ottobre 2007. - Presidenza del presidente Gianni PAGLIARINI.

La seduta comincia alle 11.50.

Sulla programmazione dei lavori della Commissione.

Gianni PAGLIARINI, presidente, comunica che, a seguito della riunione dell'Ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, del 27 settembre 2007, è stato predisposto, ai sensi degli articoli 23, comma 3, e 25, comma 2, del regolamento, il seguente programma dei lavori della Commissione per il periodo ottobre-dicembre 2007. La presidenza si riserva in ogni caso il potere di modificare il programma, inserendovi i progetti di legge assegnati in sede consultiva, gli atti del Governo sui quali la Commissione sia chiamata ad esprimere il parere, i disegni di legge di conversione di decreti-legge e gli altri atti dovuti, nonché gli atti di sindacato ispettivo e di attività conoscitiva.

PROGRAMMA DEI LAVORI DELLA COMMISSIONE PER IL PERIODO ottobre-dicembre 2007

OTTOBRE

Sede referente:

Seguito dei provvedimenti già avviati:
C. 71 Volontè, C. 1841 Grimoldi, C. 1902 Bellillo e C. 2208 Satta: Norme in materia previdenziale in favore dei lavoratori con familiari gravemente disabili;
C. 321 Mereu: Disposizioni per il riconoscimento di benefici previdenziali ai lavoratori esposti a fattori nocivi negli


Pag. 116

impianti del nucleo industriale di Portovesme compresi nell'area del Sulcis-Iglesiente;
C. 73 Volontè, C. 118 Cordoni e C. 1697 Rossi Gasparrini: Modifiche alla legge 3 dicembre 1999, n. 493 in materia di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni domestici;
C. 2455 D'Ulizia e C. 2933, approvata dalla 11a Commissione permanente del Senato recante Regolamentazione del rapporto di lavoro dei collaboratori parlamentari.

Provvedimenti da avviare:
C. 1394 Bellotti: Disciplina delle attività subacquee e iperbariche;
C. 2261 Burgio ed altri: Modifiche all'articolo 2112 del codice civile in materia di mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimento d'azienda o di ramo d'azienda.

NOVEMBRE

Sede referente:

Seguito dei provvedimenti già avviati:
C. 58 Volontè, C. 1308 Mancuso e C. 1811 Cordoni: Collocamento al lavoro dei centralinisti non vedenti;
C. 110 Cordoni e 1989 Campa: Disposizioni in materia di cumulo tra le prestazioni erogate dall'INAIL e dall'INPS;
C. 545 Migliori: Disposizioni per il computo ai fini pensionistici del servizio prestato dagli appartenenti alle Forze armate impiegate all'estero in zone di intervento per finalità umanitarie e in missioni di pace;
C. 1746 septies-decies Governo: Contributo alla Fondazione «Istituto per il lavoro»;
C. 2264 Lamorte: Interpretazione autentica dell'articolo 1, comma 41, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di computo dell'indennità integrativa speciale agli effetti del trattamento pensionistico di reversibilità;

Provvedimenti da avviare:
C. 2596 Giacomoni: Delega al Governo per l'emanazione di un testo unico delle leggi relative alle tipologie contrattuali in materia di lavoro, denominato «Statuto dei lavori», e per il riordino della disciplina in materia di ammortizzatori sociali e di incentivi per l'occupazione e per il collegamento tra salari e produttività, nonché istituzione dell'Agenzia per le relazioni industriali;
C. 2554 Samperi: Delega al Governo in materia di stato giuridico, trattamento economico e incremento della dotazione organica del personale del Corpo di polizia penitenziaria.

DICEMBRE

Sede referente:

Seguito dei provvedimenti già avviati:
C. 1807 Burgio: Modifiche al decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368, in materia di contratti di lavoro a tempo determinato;
C. 1513 De Simone: Disposizioni per l'inquadramento nei ruoli dello Stato di particolari categorie di insegnanti dipendenti dalle amministrazioni comunali;
C. 2298 Ferdinando Benito Pignataro: Estensione dei benefici previdenziali, previsti per i lavoratori esposti all'amianto, a coloro che sono stati collocati in quiescenza prima dell'entrata in vigore della legge 27 marzo 1992, n. 257.

Provvedimenti da avviare:
C. 1583 Ruta: Modifiche alla legge 12 marzo 1999, n. 68, per l'estensione delle norme per il diritto al lavoro dei disabili ai coniugi e ai figli dei soggetti deceduti o invalidi per causa di lavoro, di guerra o di servizio;


Pag. 117


C. 1553 Lo Presti: Istituzione del fondo per il trattamento di quiescenza del personale delle Ferrovie dello Stato;
C. 2913 Fabbri: Delega al Governo per il completamento e la piena attuazione della riforma dei settori della previdenza pubblica e complementare, di cui alla legge 23 agosto 2004, n. 243, nonché per il riordino degli enti pubblici di previdenza, e altre disposizioni in materia previdenziale.

La seduta termina alle 11.55.

SEDE REFERENTE

Martedì 2 ottobre 2007. - Presidenza del presidente Gianni PAGLIARINI.

La seduta comincia alle 11.55.

Norme in materia previdenziale in favore dei lavoratori con familiari gravemente disabili.
Testo unificato C. 71 Volontè, C. 1841 Grimoldi, C. 1902 Bellillo, C. 2208 Satta, C. 2444 Zanotti.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato nella seduta del 20 settembre 2007.

Gianni PAGLIARINI, presidente e relatore, ricorda che era pervenuta alla presidenza la lettera del presidente della Commissione bilancio nella quale veniva rappresentata l'impossibilità per la Commissione di giungere all'espressione di un parere sul testo unificato trasmesso in assenza di una puntuale verifica della congruità dell'onere individuato, la quale non può prescindere dalla predisposizione di una relazione tecnica che la stessa Commissione ha così deliberato di richiedere al Governo. Alla luce di tali elementi, e considerata l'iscrizione delle proposte di legge in esame nel calendario dell'Assemblea a partire da lunedì 24 settembre, la presidenza aveva sottoposto all'attenzione del Presidente della Camera e della Conferenza dei presidenti di gruppo l'ipotesi di un differimento dell'esame da parte dell'Assemblea, al fine di una più ampia e approfondita istruttoria. Precisa che, a seguito di tale richiesta, le proposte di legge in titolo erano state cancellate dal calendario dell'Assemblea per la settimana del 24 settembre. Avverte poi che la Conferenza dei presidenti di gruppo, nella riunione del 27 settembre scorso, ha nuovamente inserito le proposte di legge in questione nel calendario dell'Assemblea, per il mese di ottobre e in particolare nella settimana del 29-31 ottobre. Circa il contenuto del testo unificato trasmesso alle Commissioni per il parere, fa presente che esso cerca di individuare un punto di equilibrio tra gli aspetti assistenziali e quelli previdenziali connessi alla tematica del lavoro svolto da coloro che hanno familiari disabili gravi. Il testo unificato individua, alla luce della natura risarcitoria della risposta previdenziale fornita alla questione del lavoro svolto da coloro che assistono familiari disabili, un'ampia platea di soggetti beneficiari dell'accesso anticipato al pensionamento. Si dichiara consapevole della consistente onerosità finanziaria di un testo che presenti le linee sopra indicate.
In considerazione della difficile sostenibilità finanziaria del testo trasmesso alle Commissioni per il parere, e dell'iscrizione delle proposte di legge in questione nel calendario dell'Assemblea per la settimana del 29 ottobre prossimo, fa presente l'opportunità di riunire nuovamente il Comitato ristretto per un ulteriore approfondimento, in modo da pervenire alla definizione di un testo che risponda in modo efficace alle aspettative dei soggetti interessati.

Luigi FABBRI (FI) nell'evidenziare la presentazione da parte del suo gruppo di una proposta di legge vertente sul tema dei lavoratori con familiari disabili gravi, auspica


Pag. 118

che la nuova istruttoria da svolgere in Comitato ristretto conduca alla definizione di un testo condiviso dalle diverse forze politiche.

La Commissione concorda con la proposta del presidente di riunire nuovamente il Comitato ristretto.

Gianni PAGLIARINI, presidente, nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia quindi il seguito dell'esame ad altra seduta.

Rapporto di lavoro dei collaboratori parlamentari.
C. 2455 D'Ulizia e C. 2933, approvata dalla 11a Commissione permanente del Senato.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato nella seduta del 26 settembre 2007.

Luciano D'ULIZIA (IdV), ribadendo quanto già evidenziato nelle precedenti sedute, sottolinea come la proposta di legge di cui è primo firmatario intenda offrire garanzie sia per il parlamentare sia per il collaboratore parlamentare. Pur dichiarandosi consapevole del fatto che l'approvazione da parte del Senato della proposta di legge C. 2933 consenta di pervenire in tempi più rapidi alla definizione di un testo di legge, si dichiara perplesso circa la previsione ivi contenuta del parlamentare come sostituto d'imposta. Ricorda come le recenti delibere dell'Ufficio di Presidenza della Camera prevedono la possibilità di rapporti di lavoro tra il collaboratore parlamentare ed un ente terzo. Fa poi presente che attraverso la previsione contenuta nella proposta di legge C. 2455 di rapporti di lavoro tra il collaboratore e l'ente terzo si garantisce anche la continuità di lavoro per il collaboratore. Ritiene che, nel caso di rapporto diretto del collaboratore con il parlamentare, la continuità di lavoro difficilmente potrebbe essere garantita, anche in considerazione del periodo delimitato del mandato parlamentare.

Gianni PAGLIARINI, presidente e relatore, puntualizza come il testo di legge che regolamenti il rapporto di lavoro dei collaboratori parlamentari debba essere finalizzato a regolarizzare e a rendere trasparente tale rapporto, nella consapevolezza della natura fiduciaria del rapporto medesimo e dell' impossibilità di impegnare per tali rapporti le amministrazioni della Camera e del Senato.
Conclude come la proposta di legge C. 2933 preveda comunque la possibilità per i parlamentari di avvalersi di altre forme di supporto allo svolgimento del mandato parlamentare, diverse dal rapporto diretto tra parlamentare e collaboratore.

Luciano D'ULIZIA (IdV), richiamando quanto già evidenziato, sottolinea la possibilità di pervenire ad una integrazione tra i contenuti delle due proposte di legge in esame. Dopo aver precisato che le funzioni del collaboratore parlamentare non possono ricondursi a funzioni di segreteria ma di consulenza specialistica, fa presente l'opportunità di un rapporto di lavoro per il collaboratore parlamentare, nella duplice forma del rapporto diretto o del rapporto con un ente terzo. Precisa poi come nella proposta di legge di cui è primo firmatario non siano previsti oneri a carico della Camera, ma si demanda agli Uffici di presidenza delle due Camere l'individuazione dell'ammontare del contributo spettante ai membri del Parlamento per provvedere alla retribuzione dei propri collaboratori.

Gianni PAGLIARINI, presidente, nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia quindi il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta sospesa alle 12.15 è ripresa alle 12.40.

Martedì 2 ottobre 2007. - Presidenza del presidente Gianni PAGLIARINI. - Interviene


Pag. 119

il sottosegretario di Stato per il lavoro e la previdenza sociale Rosa Rinaldi.

Assicurazione obbligatoria contro gli infortuni domestici.
Testo unificato C. 73 Volontè, C. 118 Cordoni e C. 1697 Rossi Gasparrini.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato nella seduta del 31 luglio 2007.

Gianni PAGLIARINI, presidente, avverte che sono stati presentati emendamenti al testo unificato adottato come testo base (vedi allegato).

Teresa BELLANOVA (Ulivo), relatore, esprime parere favorevole sugli emendamenti Rossi Gasparrini 2.1 e 3.4; invita quindi al ritiro degli emendamenti Codurelli 3.1, 3.2 e 3.3.

Il sottosegretario Rosa RINALDI esprime parere conforme a quello del relatore, precisando, in ordine all'emendamento Codurelli 3.1 ,che esso comporta maggiori oneri finanziari.

Lucia CODURELLI (Ulivo) dichiara di ritirare gli emendamenti a sua firma 3.1, 3.2 e 3.3. Relativamente all'emendamento 3.3, segnala l'opportunità di prevedere quanto indicato nell'emendamento in un regolamento attuativo, in modo da creare maggiore chiarezza.

La Commissione approva, con distinte votazioni, gli emendamenti Rossi Gasparrini 2.1 e 3.4.

Gianni PAGLIARINI, presidente, avverte che il testo unificato come risultante dall'approvazione degli emendamenti sarà trasmesso alle Commissioni competenti per il prescritto parere. Rinvia quindi il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 12.55.