IV Commissione - Resoconto di mercoledý 28 marzo 2007


Pag. 76

UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI

Mercoledì 28 marzo 2007.

L'ufficio di presidenza si è riunito dalle 14.05 alle 14.15.

INTERROGAZIONI

Mercoledì 28 marzo 2007. - Presidenza del vicepresidente Elettra DEIANA. - Interviene il sottosegretario di Stato per la difesa, Emidio Casula.

La seduta comincia alle 14.15.

5-00570 Contento: sul trasferimento del 41o Reggimento Artiglieria «Cordenons».

Il sottosegretario Emidio CASULA risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 1).

Manlio CONTENTO (AN), replicando, si dichiara insoddisfatto per la risposta del Governo, in quanto, a suo avviso, l'interrogazione non si pone in contrasto con i principi e gli indirizzi dell'operazione di riconfigurazione che sta interessando, da tempo, le strutture militari, ma semmai è perfettamente coerente con detta ristrutturazione.
Ricorda che il reparto di cui si tratta ha ricevuto in dotazione, sul finire del 2006, i moderni sistemi di sorveglianza e acquisizione di obiettivi che vengono utilizzati dalle Forze armate italiane anche in occasione di missioni all'estero. Tali velivoli costituiscono, tra l'altro, un contributo notevole di qualificazione professionale per i reparti che ne dispongono.
Le ragioni di insoddisfazione dell'interrogante nascono quindi dal fatto che egli ritiene che nessun riesame si è voluto svolgere in relazione al trasferimento del 41o Reggimento artiglieria «Cordenons», nonostante le criticità sottolineate nell'atto


Pag. 77

di sindacato ispettivo. A suo avviso, risulta infatti paradossale ipotizzare il trasferimento di un reparto, che opera in un'area ove già risultano assegnate le frequenze operative per i velivoli in questione e dove esistono i poligoni e le aree addestrative, verso una diversa localizzazione nella quale dovranno essere affrontati di nuovo tutti quei problemi tecnici, come frequenze e aree di volo, in grado di ritardare la riorganizzazione e, quindi, la capacità operativa.
Infine, nel rilevare che anche sotto il profilo dell'economicità la scelta avrebbe meritato un maggior approfondimento, invita il rappresentante del Governo ad effettuare una visita in loco per approfondire la questione e si riserva di chiedere, attraverso il suo gruppo, una specifica visita della Commissione Difesa presso il Reggimento in oggetto.

Elettra DEIANA, presidente, dichiara concluso lo svolgimento dell'interrogazione all'ordine del giorno.

La seduta termina alle 14.30.

ATTI DEL GOVERNO

Mercoledì 28 marzo 2007. - Presidenza del vicepresidente Elettra DEIANA. - Interviene il sottosegretario di Stato per la difesa, Emidio Casula.

La seduta comincia alle 14.30.

Proposta di nomina del Generale ispettore capo Francesco Altomare a Presidente dell'Istituto nazionale di beneficenza «Vittorio Emanuele III».
Nomina n. 25.
(Esame, ai sensi dell'articolo 143, comma 4, del regolamento e conclusione - Parere favorevole).

La Commissione inizia l'esame.

Elettra DEIANA, presidente, in sostituzione del relatore, ricorda che l'articolo 1 della legge 24 gennaio 1978, n. 14 stabilisce che: «Il Presidente del Consiglio dei Ministri, il Consiglio dei Ministri ed i singoli Ministri, prima di procedere, secondo le rispettive competenze, a nomine, proposte o designazioni di presidenti e vicepresidenti di istituti e di enti pubblici, anche economici, devono richiedere il parere parlamentare previsto dalla presente legge». Rileva quindi che, in data 8 marzo 2007, il Ministro per i rapporti con il Parlamento e le riforme istituzionali ha trasmesso, ai sensi del predetto articolo 1, la proposta di nomina del Generale ispettore capo Francesco Altomare a Presidente dell'Istituto nazionale di beneficenza «Vittorio Emanuele III».
Ricorda che il citato istituto, secondo quanto previsto dal suo Statuto, approvato con RD del 27 aprile 1943, ha sede in Roma ed esercita la beneficenza in favore degli Ufficiali delle Forze armate e del Corpo della Guardia di finanza, attraverso erogazioni di sussidi e la gestione di una casa di riposo a Sanremo.
L'istituto è retto da un consiglio di amministrazione composto da sette membri, compreso il presidente, scelti tra gli Ufficiali in pensione, che durano in carica quattro anni e possono essere riconfermati. Spetta al Presidente il compito di rappresentare l'Istituzione, di curare l'esecuzione delle deliberazioni prese dal Consiglio e di adottare, in casi di necessità, provvedimenti urgenti.
Ricorda che nella scorsa legislatura, il 13 marzo 2002, la Commissione aveva espresso parere favorevole alla nomina del Generale Altomare alla presidenza dell'Istituto per il successivo quadriennio. Il presente provvedimento quindi intende confermare il Generale Altomare alla presidenza dell'Istituto per un ulteriore quadriennio.
Osserva infine che, poiché la proposta di nomina è stata trasmessa alle Camere dopo circa un anno dalla scadenza del precedente incarico, il Governo dovrebbe


Pag. 78

chiarire quali siano le ragioni di tale ritardo e se l'incarico oggetto della proposta di nomina decorrerà dalla scadenza dell'ultimo mandato.

Il sottosegretario Emidio CASULA rileva preliminarmente che l'Istituto nazionale di beneficenza «Vittorio Emanuele III», riconosciuto come «Opera Pia» con regio decreto 23 febbraio 1908, si configura giuridicamente come Istituzione pubblica di assistenza e beneficenza (I.P.A.B.) e ha lo scopo di esercitare la beneficenza in favore degli Ufficiali in pensione delle Forze armate, della Guardia di Finanza, e loro famiglie, che versano in condizioni di bisogno. Tale Istituto, posto sotto la vigilanza del Ministero dell'Interno, è retto da un Consiglio di Amministrazione, composto da sette membri, compreso il Presidente, di cui fanno parte anche un Ufficiale Generale o Superiore delegato dal Capo di Stato Maggiore dell'Esercito e un Ufficiale Ammiraglio o Superiore delegato dal Capo di Stato Maggiore della Marina.
Per quanto riguarda la nomina in oggetto, rileva che il Ministero della difesa ha proposto la conferma del Generale ispettore capo Francesco Altomare, in virtù della professionalità maturata e delle capacità professionali acquisite, al Ministero dell'interno che ha condiviso tale proposta e ha avviato la procedura prevista dall'articolo 3 della legge 23 agosto 1988, n. 400, per la sua conferma.
Con riferimento ai rilievi formulati dal relatore, osserva che il ritardo con cui è stata trasmessa la proposta di nomina è probabilmente è imputabile all'avvio della trasformazione del citato istituto in fondazione, con contestuale trasferimento alla Difesa delle funzioni di vigilanza e controllo contabile, in attuazione dell'articolo 28 della legge n. 448 del 2001. Sottolinea comunque che l'incarico oggetto della proposta di nomina decorrerà dalla scadenza dell'ultimo mandato.

Elettra DEIANA, presidente e relatore, alla luce dei chiarimenti forniti dal rap- presentante del Governo, formula una proposta di parere favorevole (vedi allegato 2).

Francesco BOSI (UDC), considerate le qualità professionali del Generale ispettore capo Francesco Altomare, concorda con la proposta di parere favorevole formulata dal relatore.

Elettra DEIANA, presidente, dà atto delle sostituzioni e dei deputati in missione.
Prima di procedere all'appello nominale, avverte che la votazione avrà luogo a scrutinio segreto mediante il sistema delle palline bianche e nere.
Precisa che porrà in votazione la proposta di parere favorevole, la quale risulterà approvata ove consegua la maggioranza dei voti validamente espressi. Nel caso in cui invece tale maggioranza non venga conseguita e la proposta di parere venga dunque respinta, si intenderà espresso parere contrario.

Nessuno chiedendo di intervenire, la Commissione procede alla votazione per scrutinio segreto sulla proposta di parere favorevole formulata dal relatore.

Elettra DEIANA, presidente, comunica il risultato della votazione:

Presenti e votanti 21
Maggioranza 11
Hanno votato 21
(La Commissione approva).

Elettra DEIANA, presidente, avverte che comunicherà il parere favorevole testé espresso alla Presidenza della Camera, ai fini della trasmissione al Governo.

Hanno preso parte alla votazione i deputati: Ascierto, Betta, Bianco, Bosi,


Pag. 79

Merloni (in sostituzione di Lionello Cosentino), Cossiga, Crema, Deiana, Duranti, Fallica, Gamba, Garofani, Contento (in sostituzione di Gasparri), Nicchi (in sostituzione di Giacomelli), Giuditta, Vico (in sostituzione di Migliavacca) Papini, Scotto, Giachetti (in sostituzione di Sereni), Amendola (in sostituzione di Stramaccioni) e Tanoni.

La seduta termina alle 15.

AUDIZIONI INFORMALI

Mercoledì 28 marzo 2007.

Audizione del Generale di divisione aerea Pasquale Preziosa, sui modelli di difesa adottati dagli Stati membri dell'Unione Europea.

L'audizione si è svolta dalle 15 alle 16.30.