I Commissione - Resoconto di mercoledý 2 maggio 2007


Pag. 20

AUDIZIONI

Mercoledì 2 maggio 2007. - Presidenza del presidente Luciano VIOLANTE. - Interviene il sottosegretario di Stato per i rapporti con il Parlamento e le riforme istituzionali Paolo Naccarato.

La seduta comincia alle 9.55.

Audizione del Presidente della Consob, dottor Lamberto Cardia, sulle problematiche connesse alla risoluzione del conflitto di interessi.
(Svolgimento e conclusione).

Luciano VIOLANTE, presidente, avverte che la pubblicità dei lavori della seduta odierna sarà assicurata, oltre che mediante l'attivazione dell'impianto audiovisivo a circuito chiuso, anche attraverso la trasmissione televisiva sul canale satellitare della Camera dei deputati. Introduce, quindi, l'audizione.

Lamberto CARDIA, Presidente della Commissione nazionale per le società e la borsa, svolge una relazione sui temi oggetto dell'audizione.

Intervengono, per formulare osservazioni e porre quesiti, i deputati Roberto ZACCARIA (Ulivo), Donato BRUNO (FI), Graziella MASCIA (RC-SE), Gabriele BOSCETTO (FI), Franco RUSSO (RC-SE),


Pag. 21

Angelo PIAZZA (RosanelPugno) e Luciano VIOLANTE, presidente.

Lamberto CARDIA, Presidente della Commissione nazionale per le società e la borsa, risponde ai quesiti posti e rende ulteriori precisazioni.

Luciano VIOLANTE, presidente, ringrazia il dottor Cardia per il suo intervento. Dichiara quindi conclusa l'audizione.

N.B.: Il resoconto stenografico dell'audizione è pubblicato in un fascicolo a parte.

Sui lavori della Commissione.

Luciano VIOLANTE, presidente, ricorda che la Commissione è convocata, per il seguito dell'esame degli emendamenti al testo base in materia di conflitto di interessi (C. 1318), nelle giornate di oggi, di giovedì 3, venerdì 4 e sabato 5 maggio, anche in sedute notturne. Avverte quindi di avere presentato nuovi emendamenti ed articoli aggiuntivi e fa presente che il termine per la presentazione dei relativi subemendamenti potrebbe essere fissato alle ore 14 di oggi. Si dichiara peraltro disponibile a rivedere l'organizzazione dei lavori ove vi sia l'impegno dei gruppi a concludere l'esame del provvedimento entro la settimana corrente.

Felice BELISARIO (IdV) invita il presidente Violante a valutare la possibilità di prorogare il termine per la presentazione di subemendamenti ai nuovi emendamenti.

Roberto ZACCARIA (Ulivo) invita il presidente Violante a valutare la possibilità di fissare ad oggi il termine per la presentazione dei subemendamenti ai soli emendamenti 7.200 e 8.200 del relatore, relativi agli articoli 7 e 8 del testo base, i quali saranno verosimilmente esaminati nelle sedute odierne, e di prevedere invece un termine più ampio per i subemendamenti agli altri nuovi emendamenti del relatore.

Felice BELISARIO (IdV) invita il presidente Violante a tenere conto, nell'organizzare i lavori della Commissione, del fatto che venerdì 4 maggio è convocata, fin dal mattino, la Giunta delle elezioni, della quale fanno parte anche alcuni componenti la I Commissione, tra i quali lui stesso.

Donato BRUNO (FI) si associa alle considerazioni del deputato Belisario nel chiedere una diversa organizzazione dei lavori che tenga conto del fatto che nella giornata di venerdì 4 maggio si riunisce la Giunta delle elezioni, della quale fa parte in qualità di presidente.

Marco BOATO (Verdi) ritiene che sarebbe più prudente proseguire i lavori anche nella seduta notturna già convocata per oggi. Aggiunge che non potrà partecipare alla seduta di venerdì 4 maggio.

Gabriele BOSCETTO (FI) si associa alla richiesta dei deputati Belisario e Bruno ed invita il relatore a valutare la possibilità di prevedere un termine più ampio per la presentazione dei subemendamenti ai suoi nuovi emendamenti.

Luciano VIOLANTE, presidente, preso atto delle considerazioni svolte, avverte che il termine per la presentazione dei subemendamenti ai nuovi emendamenti da lui presentati è fissato alle ore 10 di domani, giovedì 3 maggio 2007. Avverte quindi che l'esame delle proposte emendative proseguirà nella giornata di domani, con l'impegno comune di concluderlo entro la giornata stessa, in modo da trasmettere il testo risultante dagli emendamenti approvati alle Commissioni competenti in sede consultiva, le quali dovranno esprimersi in tempo utile per consentire alla Commissione di concludere l'esame prima di lunedì 14 maggio, quando inizierà l'esame del provvedimento in Assemblea.

La seduta termina alle 11.


Pag. 22

COMITATO DEI NOVE

Mercoledì 2 maggio 2007.

Istituzione del giorno della memoria di tutte le vittime del terrorismo.
C. 2489, approvata dalla 1a Commissione del Senato ed abb.

Il Comitato si è riunito dalle 14.30 alle 14.35.

COMITATO PERMANENTE PER I PARERI

Mercoledì 2 maggio 2007. - Presidenza del presidente Riccardo MARONE.

La seduta comincia alle 14.35.

DL 23/2007: Disposizioni urgenti per il ripiano selettivo dei disavanzi pregressi nel settore sanitario.
C. 2534 Governo.
(Parere alle Commissioni riunite V e XII).

(Esame e conclusione - Parere favorevole).

Riccardo MARONE (Ulivo), presidente e relatore, dopo aver brevemente illustrato le finalità del decreto-legge in esame, già approvato, con modificazioni, dal Senato, ricorda che su di esso sono state proposte alcune questioni pregiudiziali, che l'Assemblea esaminerà e voterà nella seduta pomeridiana. Ritiene che i dubbi di costituzionalità sollevati dai presentatori delle questioni pregiudiziali non siano fondati e che il provvedimento sia in linea con la giurisprudenza costante della Corte costituzionale in materia di ripiano dei disavanzi del settore sanitario. Formula pertanto una proposta di parere favorevole (vedi allegato 1).

Angelo PIAZZA (RosanelPugno) richiama l'attenzione del relatore sull'articolo 1, che, al comma 3, reca una disposizione, introdotta dal Senato, che non solo sospende per un anno la possibilità, per i creditori dei servizi sanitari regionali riguardati dalla norma, di intraprendere o di proseguire azioni esecutive nei confronti dei debitori, ma stabilisce anche che i relativi debiti insoluti producano, nel suddetto periodo, esclusivamente gli interessi legali, e sempreché le parti non abbiano previsto tassi di interesse inferiori. Si tratta, a suo avviso, di disposizioni inopportune nel merito e dubbie sotto il profilo della costituzionalità, in quanto lesive del principio di eguaglianza e dei diritti di proprietà e dannose per l'imprenditoria privata, sulla quale si finisce in questo modo col far ricadere le inefficienze di un settore pubblico, col rischio di trascinarla nel dissesto di bilancio. Per quanto poi riguarda la previsione sul tasso di interesse da applicarsi nel periodo di forzosa inesigibilità del credito, osserva che essa è in contrasto con la normativa comunitaria, ed in particolare con la direttiva 2000/35/CE, recante norme di contrasto ai ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, attuata in Italia con il decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231.

Maria Fortuna INCOSTANTE (Ulivo) osserva che una misura simile è prevista anche per i comuni, nel senso che, nelle more dell'accertamento, a chiusura di bilancio, della massa passiva dei comuni, è prevista la sospensione delle azioni esecutive relative a crediti nei confronti dei comuni stessi.

Riccardo MARONE, presidente e relatore, pur condividendo il giudizio di biasimo espresso dal deputato Angelo Piazza, ritiene che non sussistano profili di incostituzionalità, atteso che esiste una copiosa giurisprudenza della Corte costituzionale che va nel senso di ritenere ammissibile la sospensione dell'esigibilità dei crediti vantati nei confronti delle amministrazioni pubbliche. Conferma pertanto la proposta di parere già formulata.

Marco BOATO (Verdi) dichiara il proprio voto favorevole sulla proposta di parere del relatore.


Pag. 23

Domenico BENEDETTI VALENTINI (AN) dichiara il proprio voto contrario sulla proposta di parere del relatore.

Nessun altro chiedendo di intervenire, il Comitato approva la proposta di parere del relatore.

Modifiche alla legge 25 novembre 2003, n. 339, in materia di iscrizione all'albo degli avvocati.
Nuovo testo C. 615 Mazzoni.

(Parere alla II Commissione).

(Esame e conclusione - Parere favorevole).

Maria Fortuna INCOSTANTE (Ulivo), relatore, illustrato brevemente il provvedimento in esame, formula una proposta di parere favorevole (vedi allegato 2). Esprime peraltro alcune perplessità in ordine all'opportunità di consentire l'esercizio dell'attività di avvocato soltanto ad alcuni dipendenti pubblici con rapporto di lavoro a tempo parziale, vale a dire a quelli che si erano avvalsi della facoltà di iscriversi all'albo degli avvocati prevista dal comma 56 della legge n. 662 del 1996 prima che la successiva legge n. 339 del 2003 lo vietasse. Ritiene infatti che ciò potrebbe essere discriminatorio nei confronti degli altri dipendenti pubblici con rapporto di lavoro a tempo parziale. Si riserva pertanto di approfondire la questione in vista della discussione del provvedimento in Assemblea.

Domenico BENEDETTI VALENTINI (AN) ritiene che la questione di costituzionalità accennata dalla relatrice Incostante andrebbe approfondita.

Marco BOATO (Verdi) dichiara il proprio voto favorevole sulla proposta di parere del relatore.

Domenico BENEDETTI VALENTINI (AN) dichiara il proprio voto contrario sulla proposta di parere del relatore.

Nessun altro chiedendo di intervenire, il Comitato approva la proposta di parere del relatore.

La seduta termina alle 15.

AVVERTENZA

Il seguente punto all'ordine del giorno non è stato trattato:

COMITATO PERMANENTE PER I PARERI

Differimento termini per l'esercizio della delega in materia di Ordini delle professioni sanitarie non mediche.
C. 1609 Governo.

Modifica all'articolo 15 della legge 8 luglio 1998, n. 230, in materia di obiezione di coscienza.
C. 197 Zeller ed abb.-A.