VIII Commissione - Resoconto di giovedý 17 maggio 2007


Pag. 133

SEDE REFERENTE

Giovedì 17 maggio 2007. - Presidenza del presidente Ermete REALACCI. - Interviene il viceministro delle infrastrutture, Angelo Capodicasa.

La seduta comincia alle 9.

Ricostruzione dei territori del Molise e della Puglia colpiti dal sisma dell'ottobre 2002.
Nuovo testo C. 585 Di Gioia.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame, rinviato il 16 maggio 2007.

Ermete REALACCI, presidente, ricorda che nella seduta di ieri il relatore ha predisposto alcuni emendamenti, in relazione ai quali non sono stati presentati subemendamenti. Avverte pertanto che la Commissione, secondo quanto stabilito nell'ambito dell'Ufficio di presidenza integrato dai rappresentanti dei gruppi, procederà ora all'esame di tutti gli emendamenti riferiti al nuovo testo della proposta di legge in esame (vedi allegato 1).


Pag. 134

Salvatore MARGIOTTA (Ulivo), relatore, raccomanda l'approvazione dei suoi emendamenti, invitando al ritiro dei restanti emendamenti presentati. Segnala, infatti, che le proposte emendative da lui predisposte dovrebbero essere idonee a superare ogni possibile obiezione da parte del Governo sui profili di maggiore problematicità del provvedimento.

Il viceministro Angelo CAPODICASA esprime un parere conforme a quello del relatore, fatta eccezione per l'emendamento 2.4 del relatore, in ordine al quale segnala l'esigenza di prevedere il coinvolgimento del Ministero delle infrastrutture. Rappresenta, inoltre, l'esigenza di stabilire che il suo dicastero sia responsabile del coordinamento della attività finalizzate al raggiungimento dell'intesa istituzionale di programma di cui all'articolo 3 del nuovo testo della proposta di legge in esame.

Salvatore MARGIOTTA (Ulivo), relatore, in considerazione delle valutazioni espresse dal rappresentante del Governo, presenta una nuova formulazione del suo emendamento 2.4, nonché gli emendamenti 3.3 e 10.2 (vedi allegato 1), finalizzati a recepire i rilievi testé formulati; ne raccomanda, quindi, l'approvazione da parte della Commissione.

Il viceministro Angelo CAPODICASA esprime parere favorevole sulle nuove proposte emendative predisposte dal relatore.

Ermete REALACCI, presidente, constata l'assenza del presentatore dell'emendamento Dussin 1.1; si intende che vi abbia rinunciato.

La Commissione approva l'emendamento 1.2 del relatore.

Ermete REALACCI, presidente, constata l'assenza del presentatore dell'emendamento Dussin 2.1; si intende che vi abbia rinunciato.

La Commissione approva, con distinte votazioni, gli emendamenti 2.2, 2.3 e 2.4 (Nuova formulazione) del relatore.

Ermete REALACCI, presidente, constata l'assenza dei presentatori dell'articolo aggiuntivo Astore 2.01 e degli emendamenti Dussin 3.1 e 3.2; si intende che vi abbiano rinunciato.

La Commissione approva l'emendamento 3.3 del relatore.

Ermete REALACCI, presidente, constata l'assenza del presentatore degli emendamenti Dussin 4.1, 5.1, 6.1, 7.1 e 8.1; si intende che vi abbia rinunciato.

La Commissione approva, con distinte votazioni, gli emendamenti 8.2 e 8.3 del relatore.

Ermete REALACCI, presidente, constata l'assenza del presentatore degli emendamenti Dussin 9.1, 9.2, 9.3, 9.4, 9.5, 9.6, 9.7, 9.8, 9.9, 9.10 e 10.1; si intende che vi abbia rinunciato.

La Commissione approva l'emendamento 10.2 del relatore.

Ermete REALACCI, presidente, constata l'assenza del presentatore dell'emendamento Dussin 11.1; si intende che vi abbia rinunciato.
Avverte, quindi, che si è così concluso l'esame degli emendamenti riferiti al nuovo testo della proposta di legge n. 585, comunicando conseguentemente che il provvedimento, come risultante a seguito degli emendamenti approvati, sarà trasmesso alle competenti Commissioni per l'acquisizione dei prescritti pareri.
Rinvia, dunque, il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 9.10.

ATTI DEL GOVERNO

Giovedì 17 maggio 2007. - Presidenza del presidente Ermete REALACCI. - Intervengono il viceministro delle infrastrutture,


Pag. 135

Angelo Capodicasa, e il sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare, Gianni Piatti.

La seduta comincia alle 9.10.

Proposta di ripartizione dei fondi di cui all'articolo 1, comma 1010, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
Atto n. 87.
(Seguito dell'esame e conclusione - Parere favorevole con osservazioni).

La Commissione prosegue l'esame, rinviato il 16 maggio 2007.

Angelo Maria Rosario LOMAGLIO (SDpSE), relatore, fa presente che, alla luce dei chiarimenti forniti, nella seduta di ieri, dal rappresentante del Governo in relazione alle questioni poste con la sua relazione introduttiva, ha predisposto una proposta di parere favorevole con osservazioni (vedi allegato 2), di cui illustra sinteticamente il contenuto. Segnala, in particolare, che l'intento prioritario della sua proposta di parere consiste nel raccomandare un attento monitoraggio da parte del Governo sull'utilizzo dei finanziamenti per il completamento della ricostruzione nei territori della Valle del Belice colpiti dal terremoto del 1968, nonché nel garantire un corretta programmazione degli interventi urbanistici, che scongiuri la realizzazione di costruzioni di edilizia privata privi di servizi adeguati e, soprattutto, delle necessarie opere pubbliche di urbanizzazione.

Ermete REALACCI, presidente, intende ringraziare il relatore per l'ottimo lavoro svolto, che consente alla Commissione di mantenere un principio di coerenza con le posizioni già assunte in passato, nonché di dettare orientamenti validi per il futuro utilizzo delle somme destinate al completamento della ricostruzione nelle aree terremotate.

Il viceministro Angelo CAPODICASA dichiara la condivisione del Governo rispetto alla proposta di parere del relatore, che risulta pienamente coerente anche con gli indirizzi assunti sulla materia dal suo dicastero.

La Commissione approva, quindi, la proposta di parere favorevole con osservazioni formulata dal relatore.

La seduta termina alle 9.20.

SEDE CONSULTIVA

Giovedì 17 maggio 2007. - Presidenza del presidente Ermete REALACCI. - Interviene il sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare, Gianni Piatti.

La seduta comincia alle 9.20.

Misure per il cittadino consumatore e per agevolare le attività produttive e commerciali, nonché interventi in settori di rilevanza nazionale.
C. 2272-bis Governo.
(Parere alla X Commissione).
(Seguito dell'esame e conclusione - Parere favorevole con condizioni e osservazione).

La Commissione prosegue l'esame, rinviato il 15 maggio 2007.

Giuliano PEDULLI (Ulivo), relatore, avverte che la X Commissione ha concluso, nella giornata di ieri, l'esame degli emendamenti riferiti al provvedimento in esame. Intende, pertanto, dare conto delle ulteriori modifiche e integrazioni apportate al testo del disegno di legge, per le parti di più diretta competenza della VIII Commissione. In proposito, segnala che la Commissione di merito ha inserito l'articolo 19-bis, di modifica all'articolo 3 del testo unico in materia edilizia (decreto legislativo 6 giugno 2001, n. 380), con cui si introduce un'innovazione che, pur


Pag. 136

avendo l'effetto di restringere il campo di applicazione di una norma posta a tutela degli standard urbanistici e ambientali, appare tuttavia avere una portata del tutto circoscritta e una finalità espressamente connessa all'obiettivo generale della semplificazione degli oneri burocratici posti a carico delle imprese: infatti, le sole aziende che rientrano nella qualifica di «strutture turistico-ricettive all'aria aperta» e, fra queste, solo quelle realizzate in conformità alla vigente disciplina edilizia ed urbanistica, sono esentate dall'obbligo di richiedere il permesso a costruire nel caso di installazione di «mezzi mobili di pernottamento», quali roulottes, camper e simili. Inoltre, fa presente che, così ristretto l'ambito dei potenziali beneficiari, il nuovo articolo prevede ulteriori cautele a garanzia del fatto che l'installazione di tali manufatti non possa mai renderli assimilabili a costruzioni stabili, nonché a garanzia della «non alterazione», da un lato, dello stato dei luoghi e, dall'altro, dell'indice di edificabilità già assegnato, dagli strumenti urbanistici ed edilizi, alla azienda beneficiaria. Per qualunque altro soggetto diverso da quelli appartenenti alla limitata categoria di imprenditori individuati, resta fermo il principio fissato dall'articolo 3 del testo unico dell'edilizia, che qualifica come nuova costruzione anche l'installazione di mezzi mobili di pernottamento, con connesso assoggettamento al previo rilascio del permesso a costruire. Rileva come resti, in ogni caso, opportuno, anche per la sostanziale assenza di dibattito in sede di approvazione del nuovo articolo, che prima di formulare il proprio parere la VIII Commissione ascolti le eventuali valutazioni del rappresentante del Governo in ordine all'impatto quantitativo della norma in questione, ad esempio con riferimento al numero delle possibili aziende beneficiarie ovvero a quello delle possibili installazioni.
Allo stesso tempo, giudica utile verificare il contenuto dell'articolo 34-bis, introdotto nel corso dell'esame presso la Commissione di merito, che disciplina alcuni requisiti in materia di risparmio energetico negli edifici. Infatti, tali interventi, che sembrerebbero avere natura meramente tecnica, dovrebbero essere valutati in tempi certamente più congrui rispetto a quelli a disposizione della odierna seduta della Commissione. Per tali motivi, peraltro, sottolinea che si potrebbero riservare eventuali ulteriori approfondimenti in occasione dell'esame del provvedimento in Assemblea.
Segnala, infine, l'articolo 41-bis, che ha introdotto una innovativa disposizione che prevede l'adozione di una legge annuale per la promozione della concorrenza e della tutela dei consumatori. Osserva che, pur non investendo tale articolo aggiuntivo direttamente le competenze della VIII Commissione, esso interviene su una materia di particolare delicatezza, nel momento in cui prevede che la citata legge annuale recepisca le segnalazioni, i pareri e le indicazioni dell'Autorità «Antitrust». In tal senso, riterrebbe opportuno prevedere che tale disposizione contempli anche la possibilità di recepire - con la citata legge annuale - le segnalazioni dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, in conformità con i principi delle direttive comunitarie in tema di appalti pubblici.
In conclusione, presenta una proposta di parere favorevole con condizioni e osservazione (vedi allegato 3), evidenziando che essa intende accogliere, in particolare, i rilievi provenienti dal deputato Cacciari circa il rafforzamento dei controlli antincendio e dai deputati Iannuzzi e Mariani circa il predetto coinvolgimento dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture nell'ambito delle procedure di cui al citato articolo 41-bis.

Il sottosegretario Gianni PIATTI si rimette alle valutazioni della Commissione sul provvedimento in esame, non essendo peraltro nella condizioni di fornire i chiarimenti richiesti dal relatore, anche in considerazione dell'esiguità dei tempi tecnici a disposizione per disporre i necessari approfondimenti.


Pag. 137

Paolo CACCIARI (RC-SE) prospetta l'opportunità di una più precisa formulazione della condizione di cui alla lettera a) della proposta di parere del relatore, che consenta una maggiore aderenza del testo alla legislazione vigente, con particolare riferimento ai poteri ispettivi dell'ISPESL, per il cui rafforzamento occorrerebbe evitare riferimenti diretti alle competenze delle ASL.

Tino IANNUZZI (Ulivo) dichiara il proprio apprezzamento per il lavoro svolto dal relatore, con specifico riferimento all'osservazione, contenuta nella proposta di parere, relativa all'articolo 41-bis. Al riguardo, infatti, nel ritenere importante che il Parlamento, tramite l'approvazione di una apposita legge annuale, possa porre un presidio di natura normativa sulla materia della concorrenza e della tutela dei consumatori, segnala l'esigenza che tale presidio contenga anche gli elementi che possono concretamente emergere dallo svolgimento di un ruolo nevralgico di impulso e segnalazione da parte dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici.

Ermete REALACCI, presidente, nel prendere atto delle numerose disposizioni aggiuntive al testo del provvedimento, introdotte a seguito dell'esame degli emendamenti da parte della Commissione di merito, raccomanda di svolgere un opportuno lavoro di approfondimento e di analisi delle disposizioni di interesse della VIII Commissione ai fini del successivo esame in Assemblea, che possa consentire di recuperare il deficit istruttorio derivante dall'esiguità dei tempi a disposizione per l'espressione del parere di competenza.

Giuliano PEDULLI (Ulivo), relatore, sulla base del dibattito svolto, presenta una nuova versione della sua proposta di parere favorevole con condizioni e osservazione (vedi allegato 4), che contiene una modifica alla condizione prevista alla lettera a), finalizzata a recepire le indicazioni formulate dal deputato Cacciari.

La Commissione approva, quindi, la nuova versione della proposta di parere del relatore.

La seduta termina alle 9.35.

RISOLUZIONI

Giovedì 17 maggio 2007. - Presidenza del presidente Ermete REALACCI. - Interviene il sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare, Gianni Piatti.

La seduta comincia alle 9.35.

7-00033 Mondello: Inquinamento ambientale nella costiera del Levante ligure.
(Seguito della discussione e conclusione - Approvazione della risoluzione n. 8-00055).

La Commissione prosegue la discussione, rinviata il 9 maggio 2007.

Ermete REALACCI, presidente, avverte che è stata predisposta una nuova formulazione della risoluzione in titolo (vedi allegato 5), in coerenza con il dibattito svolto nella precedente seduta e con le indicazioni fornite, in quella occasione, dal rappresentante del Governo. Dichiarato, in particolare, il proprio apprezzamento per la scelta di reinserire il monitoraggio della fascia costiera interessata dalla risoluzione all'interno della pianificazione generale di competenza del Ministero, preannuncia quindi l'intenzione di sottoscrivere l'atto di indirizzo in discussione.

Romolo BENVENUTO (Ulivo) intende ringraziare il deputato Mondello per il lavoro svolto, dichiarando l'intenzione di sottoscrivere la risoluzione in titolo.

Il sottosegretario Gianni PIATTI esprime l'orientamento favorevole del Governo sulla nuova formulazione della risoluzione in titolo, facendo presente che la situazione nella fascia costiera del Levante ligure è in costante evoluzione e rende


Pag. 138

conseguentemente opportuna una attenta azione di monitoraggio da parte delle autorità preposte.

Gabriella MONDELLO (FI), nel ringraziare il rappresentante del Governo per la collaborazione assicurata alla Commissione sulla vicenda oggetto della sua risoluzione, ricorda che esiste una forte attesa sul territorio, che non può andare delusa. Chiede, pertanto, precise rassicurazioni circa la tempistica degli interventi prospettati.

Il sottosegretario Gianni PIATTI, pur non potendo fornire una indicazione dettagliata circa i tempi previsti, anche in considerazione dell'imminente scadenza degli strumenti convenzionali richiamati nella nuova formulazione della risoluzione, assicura che si attiverà personalmente per una sollecita attuazione degli impegni assunti dal Governo.

Nessun altro chiedendo di intervenire, la Commissione approva la nuova formulazione della risoluzione n. 7-00033, che assume il numero 8-00055.

La seduta termina alle 9.45.

ERRATA CORRIGE

Nel Bollettino delle Giunte e delle Commissioni parlamentari n. 181 del 16 maggio 2007:
a pagina 122, prima colonna, trentanovesima riga, dopo la parola: «Governo» inserire la seguente: «regionale»;
a pagina 123, prima colonna, dopo la trentasettesima riga inserire le seguenti parole:
«Angelo Maria Rosario LOMAGLIO (Ulivo) aderisce alla proposta del Viceministro Capodicasa, prendendo atto positivamente della disponibilità testé espressa dal deputato Misuraca».