IX Commissione - Resoconto di mercoledý 13 giugno 2007


Pag. 222

SEDE CONSULTIVA

Mercoledì 13 giugno 2007. - Presidenza del presidente Michele Pompeo META. - Interviene il Sottosegretario di Stato per i trasporti, Andrea ANNUNZIATA.

La seduta comincia alle 14.15.

Modernizzazione delle Amministrazioni pubbliche.
Nuovo testo C. 2161 Governo.
(Parere alla I Commissione).
(Seguito dell'esame e conclusione - Parere favorevole con condizione e osservazioni).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento in oggetto, avviato nella seduta del 12 giugno 2007.

Michele Pompeo META, presidente, ricorda nella precedente seduta il deputato Attili ha svolto la relazione introduttiva ed ha formulato una proposta di parere con una condizione e cinque osservazioni, che è pubblicata in allegato al resoconto sommario della seduta di ieri, 12 giugno 2007, della Commissione.
Avverte quindi che nella seduta odierna sostituirà il relatore Attili che non ha potuto essere presente.

Mario TASSONE (UDC) preannuncia che si asterrà sulla proposta di parere del relatore.

Silvano MOFFA (AN) preannuncia anch'egli di astenersi sulla proposta di parere favorevole del relatore.

Angelo Maria SANZA (FI) dichiara voto contrario sulla proposta di parere del relatore.

Nessun altro chiedendo di intervenire, la Commissione approva la proposta di parere del relatore.

La seduta termina alle 14.20.


Pag. 223

SEDE REFERENTE

Mercoledì 13 giugno 2007. - Presidenza del presidente Michele Pompeo META. - Interviene il sottosegretario di Stato per i trasporti, Andrea ANNUNZIATA.

La seduta comincia alle 14.20.

Disposizioni in materia di autotrasporto merci e di circolazione stradale.
C. 2480-A Governo.
(Seguito dell'esame e conclusione).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato da ultimo, nella seduta del 7 giugno 2007.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, avverte che a seguito dell'odierna riunione della Conferenza dei presidenti di gruppo, il seguito dell'esame del provvedimento è stato iscritto nel calendario dei lavori dell'Assemblea a partire da martedì 19 giugno 2007.
Ricorda quindi che con riferimento al nuovo testo del provvedimento, risultante dall'esame degli emendamenti, sono pervenuti anche il parere favorevole con condizione e osservazioni della II Commissione (Giustizia), il parere favorevole con condizioni e una osservazione della V Commissione (Bilancio), il parere favorevole con osservazioni della XII Commissione (Affari sociali) e il parere con condizioni e osservazioni del Comitato per la legislazione.
A tale proposito avverte di avere presentato apposite proposte emendative volte a recepire tutte le condizioni volte a garantire il rispetto dell'articolo 81, quarto comma, della Costituzione, contenute nel parere della V Commissione (Bilancio), nonché talune altre condizioni e osservazioni recate dai pareri espressi dalle altre Commissioni competenti in sede consultiva. Ha altresì presentato taluni emendamenti finalizzati ad un migliore coordinamento del testo (vedi allegato).

Sergio OLIVIERI (RC-SE) chiede al presidente di sospendere brevemente la seduta al fine di potere approfondire il contenuto dei nuovi emendamenti testé presentati.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, accogliendo la richiesta del deputato Olivieri, sospende la seduta per dieci minuti.

La seduta, sospesa alle 14.25, riprende alle 14.35.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 1.200, volto a sopprimere l'articolo 1, recante modifiche agli articoli 6 e 12 del decreto legislativo n. 285 del 1992 in materia di regolamentazione della circolazione nei porti amministrati dalle autorità portuali. Fa presente in proposito che l'emendamento recepisce un'apposita condizione posta dalla V Commissione (Bilancio).

Mario TASSONE (UDC) esprime perplessità sul carattere oneroso della disposizione in oggetto.

Il sottosegretario Andrea ANNUNZIATA ricorda che già nella seduta del 5 giugno 2007 aveva rappresentato la questione degli oneri recati dall'articolo 1 del nuovo testo, rimettendosi tuttavia alle valutazioni della Commissioni al momento della votazione.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, ritiene che la questione posta dal deputato Tassone vada comunque approfondita, anche in relazione all'autonomia finanziaria che la legge finanziaria 2007 ha attribuito alle Autorità portuali, che tuttavia non risulta che abbia ancora ricevuto attuazione. Assicura pertanto che, nel corso dell'esame del provvedimento in Assemblea, si farà carico di verificare la possibilità di proporre alla Commissione di ripresentare la disposizione di cui all'articolo 1 corredata di un'adeguata copertura finanziaria.

La Commissione approva l'emendamento 1.200 del relatore.


Pag. 224

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 3.200, avente finalità di mero coordinamento del testo, atteso che, all'articolo 3, capoverso «1-septies» il riferimento alle «sanzioni amministrative previste dall'articolo 122, comma 8, primo e secondo periodo» ricomprende anche il fermo amministrativo del veicolo per tre mesi.

La Commissione approva l'emendamento 3.200 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 4.200, volto a recepire una apposita condizione della II Commissione (Giustizia) che, con riferimento all'articolo 4, comma 1, lettera a), evidenzia l'esigenza di sostituire la definizione di «sanzione amministrativa pecuniaria» con quella di «ammenda», atteso che l'illecito ivi previsto è stato trasformato in contravvenzione.

La Commissione approva l'emendamento 4.200 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 4.201, finalizzato, anche in accoglimento di un'apposita condizione posta dal Comitato per la legislazione, a sopprimere il capoverso «13-quater» dall'articolo 4, comma 1, lettera a), in ragione della circostanza che, alla luce di un più approfondito esame, la disposizione ivi prevista non appare congrua, sia in quanto è volta a sanzionare genericamente qualsiasi tipo di limite e prescrizione per la guida di cui alla normativa vigente con una sanzione pecuniaria fino a 594 euro, e sia perché non appare chiara la portata normativa dell'inciso «con particolare riferimento a quella di recepimento delle direttive comunitarie».

La Commissione approva l'emendamento 4.201 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 5.200, che si rende necessario al fine di modificare la data a decorrere dalla quale sarà vigente la novella apportata all'articolo 117 del codice della strada in materia di limitazioni alla guida di autoveicoli per i cosiddetti «neo-patentati». Poiché infatti nel testo iniziale del disegno di legge era prevista la data del 1o giugno 2007, ormai decorsa, appare opportuno fare decorrere tale termine iniziale dalla data di entrata in vigore del provvedimento in esame.

La Commissione approva l'emendamento 5.200 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 6.200, volto a sopprimere l'articolo 6, recante l'introduzione del nuovo articolo 119-bis nel codice della strada, in materia di obblighi di comunicazione a carico dei responsabili di strutture sanitarie in caso di ricovero di soggetti che abbiano subito gravi traumi o che si trovino in situazione comatosa. Fa presente infatti che l'emendamento recepisce un'apposita condizione posta dalla V Commissione (Bilancio). In proposito, analogamente all'impegno già assunto con riguardo all'articolo 1, intende meglio approfondire la questione connessa all'onerosità di tale disposizione, assicurando che, nel corso dell'esame del provvedimento in Assemblea, si farà carico di verificare la possibilità di proporre alla Commissione di ripresentarla corredata di un'adeguata copertura finanziaria

La Commissione approva l'emendamento 6.200 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 7.200, recante una finalità di mero coordinamento del testo, al fine di precisare, all'articolo 7, comma 1, che il superamento della prova di controllo delle cognizioni di cui all'articolo 121, comma 1, costituisce un requisito per il rilascio del cosiddetto «foglio rosa».

La Commissione approva l'emendamento 7.200 del relatore.


Pag. 225

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 9.200, con il quale, recependo un'apposita condizione della V Commissione (Bilancio), si intende precisare che all'attuazione dell'articolo 9, che reca modifiche all'articolo 142 del codice della strada in materia di velocità dei veicoli, si provvede nell'ambito delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

Davide CAPARINI (LNP) dichiara voto contrario sull'emendamento 9.200 del relatore.

Ezio LOCATELLI (RC-SE) dichiara di astenersi sull'emendamento 9.200 del relatore.

La Commissione approva l'emendamento 9.200 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 12.200, recante una finalità di mero coordinamento del testo, essendo volto a chiarire, all'articolo 12, comma 1, lettera a), capoverso «2-bis», che le ulteriori sanzioni applicabili a seguito dell'accertamento a carico dei conducenti di un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro si aggiungono ai casi di revoca e ritiro della patente già previsti per la guida con tasso superiore a 0,5 grammi per litro. Raccomanda inoltre l'approvazione del suo emendamento 12.201, con il quale viene soppressa, sempre all'articolo 12, comma 1, la lettera c), che appare ultronea, in quanto si limita a ribadire quanto già disposto dalla predetta lettera a), capoverso «2-bis».

La Commissione, con distinte votazioni, approva gli emendamenti 12.200 e 12.201 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 12.202, con il quale, anche recependo un'apposita osservazione della XII Commissione (Affari sociali), si esclude l'applicazione della sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo nel caso in cui lo stesso sia di proprietà di persona estranea alla violazione. Fa presente che tale eccezione, che nel caso di specie sarebbe riferita all'ipotesi di rifiuto dell'accertamento della guida in stato di ebbrezza o in stato di alterazione psico-fisica conseguente all'assunzione di sostanze stupefacenti, è già stata prevista dalla Commissione per i casi di fermo amministrativo del veicolo conseguenti all'accertamento di un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro o di uno stato di alterazione psico-fisica conseguente all'assunzione di sostanze stupefacenti.

La Commissione approva l'emendamento 12.202 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 12.203, recante una finalità di mero coordinamento del testo, essendo volto a chiarire, all'articolo 12, comma 1, lettera d), che anche nel caso di revoca della patente di guida ivi previsto si applicano le disposizioni per il ritiro della patente di cui all'articolo 223. Raccomanda inoltre l'approvazione del suo emendamento 12.204, anch'esso volto al coordinamento del testo e diretto a sopprimere il comma 9 dell'articolo 186 del codice della strada, preso atto che i profili sanzionatori conseguenti all'accertamento di un tasso alcolemico superiore a 1.5 grammi per litro sono ora regolati da altre disposizioni del medesimo articolo 186, come modificato dal presente provvedimento.

La Commissione, con distinte votazioni, approva gli emendamenti 12.203 e 12.204 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 13.200, con il quale, recependo un'apposita condizione della V Commissione (Bilancio), si intende precisare che all'attuazione dell'articolo 13, che introduce nel codice della strada l'articolo


Pag. 226

187-bis in materia di controlli preventivi sui conducenti titolari di certificato di abilitazione professionale o della carta di qualificazione del conducente, si provvede nell'ambito delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

La Commissione approva l'emendamento 13.200 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 17.200, recante una finalità di mero coordinamento del testo, atteso che appare più congruo inserire l'aggravante per il reato di lesioni personali colpose commesse in violazione degli articoli 186 e 187 del decreto legislativo n. 285 del 1992 come periodo aggiuntivo al comma 3 dell'articolo 590 del codice penale, anche in analogia con le novelle del medesimo tenore apportate agli articoli 589 e 593 dello stesso codice.

La Commissione approva l'emendamento 17.200 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 27.200, con il quale, recependo un'apposita condizione della V Commissione (Bilancio), si introduce una più specifica formulazione della norma di copertura finanziaria di cui all'articolo 27, comma 2, che interviene in materia di raccolta e invio dei dati relativi all'incidentalità stradale.

La Commissione approva l'emendamento 27.200 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 29.200, che fa seguito all'impegno assunto dalla Commissione in occasione del parere espresso sul nuovo testo del disegno di legge n. 2161, recante «Modernizzazione della pubblica amministrazione», nel quale è presente, all'articolo 19, una disposizione identica a quella recata dall'articolo 29 del disegno di legge n. 2480-A. Pertanto, trattandosi di una novella al codice per la protezione dei dati personali, che rientra nella competenza per materia della Commissione affari costituzionali, l'emendamento 29.200 è volto a sopprimere l'articolo 29 dal disegno di legge in esame.

La Commissione approva l'emendamento 29.200 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda l'approvazione del suo emendamento 30.200, recante una finalità di mero coordinamento del testo, atteso che appare più congruo inserire la novella all'articolo 6-ter del decreto-legge 27 giugno 2003, n. 151, prevista all'articolo 30, come comma aggiuntivo dopo il comma 2, piuttosto che come periodo aggiuntivo alla fine del comma 2.

La Commissione approva l'emendamento 30.200 del relatore.

Michele Pompeo META, presidente e relatore, raccomanda infine l'approvazione del suo emendamento 31.200, con il quale, recependo un'apposita condizione della V Commissione (Bilancio), si precisa, al comma 2 dell'articolo 31, che le tariffe sono stabilite in misura tale da coprire integralmente i costi derivanti dallo svolgimento delle attività di verifica di cui all'articolo stesso.

La Commissione approva l'emendamento 31.200 del relatore.

Mario BARBI (Ulivo) dichiara il voto favorevole dei deputati del suo gruppo sul conferimento del mandato al relatore.

Ezio LOCATELLI (RC-SE) dichiara il voto favorevole dei deputati del suo gruppo sul conferimento del mandato al relatore.

Paolo UGGÈ (FI) dichiara il voto favorevole dei deputati del suo gruppo sul conferimento del mandato al relatore.

Davide CAPARINI (LNP) dichiara il voto favorevole dei deputati del suo gruppo sul conferimento del mandato al relatore.


Pag. 227

Mario TASSONE (UDC) dichiara il voto favorevole dei deputati del suo gruppo sul conferimento del mandato al relatore.

Silvano MOFFA (AN) dichiara il voto favorevole dei deputati del suo gruppo sul conferimento del mandato al relatore.

La Commissione delibera di conferire il mandato al relatore di riferire in senso favorevole all'Assemblea sul provvedimento in esame. Delibera altresì di chiedere l'autorizzazione a riferire oralmente.

Michele Pompeo META, presidente, si riserva di designare i componenti del Comitato dei nove sulla base delle indicazioni dei gruppi.

Sui lavori della Commissione.

Valter ZANETTA (FI) fa presente che nella seduta di ieri l'Assemblea ha approvato l'articolo 10 del disegno di legge 2272-bis, recante «Misure per il cittadino consumatore e per agevolare le attività produttive e commerciali, nonché interventi in settori di rilevanza nazionale», che prevede una nuova disciplina per la liberalizzazione dei servizi ferroviari. Ciò è avvenuto a seguito della presentazione da parte della Commissione di merito di un emendamento, che ha ampliato notevolmente la portata normativa della disposizione, di ambito molto circoscritto, che era già compresa nel predetto disegno di legge. Essendosi tutto ciò tradotto in una nuova sottrazione di competenze proprie della IX Commissione, invita il presidente a farsi carico dell'esigenza che tali episodi non abbiano più a ripetersi.
Chiede inoltre che la Commissione possa approfondire, nelle forme e con le modalità che saranno ritenute più opportune, il piano industriale di Ferrovie dello Stato.

Michele Pompeo META, presidente, pur riconoscendo che l'esame del richiamato articolo 10 del disegno di legge n. 2272-bis in materia di liberalizzazione dei servizi ferroviari si sarebbe dovuto più opportunamente svolgere presso la IX Commissione, intende comunque fare presente al deputato Zanetta che la Commissione stessa ha da ultimo conseguito alcuni importanti risultati sulla questione del rispetto delle sue competenze. Fa riferimento, in primo luogo, all'espunzione dal disegno di legge n. 2161, esaminato dalla I Commissione, della disposizione recante la delega al Governo per la riforma del codice della strada, poi introdotta nel disegno di legge n. 2480-A, testé licenziato in sede referente. Altrettanto importante è stato poi lo stralcio, deliberato dall'Assemblea nella seduta di ieri, di tutte le disposizioni in materia di semplificazione del regime della circolazione giuridica dei veicoli recate dal già richiamato disegno di legge n. 2272-bis
Quanto poi alla richiesta di approfondimento dei contenuti del piano industriale di Ferrovie dello Stato per gli anni 2007-2011, nel rinviare la questione alla prossima riunione dell'Ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, preannuncia la sua proposta di procedere allo svolgimento di audizioni dell'amministratore delegato di Ferrovie dello Stato e dei responsabili dei dicasteri competenti in qualità di vigilanti e di azionisti dell'azienda, fermo restando che, sul punto, la Commissione ha già provveduto all'audizione del Ministro per l'economia e le finanze nella seduta del 28 marzo 2007.

La seduta termina alle 15.15

AVVERTENZA

Il seguente punto all'ordine del giorno non è stato trattato:

ATTI DEL GOVERNO

Schema di decreto legislativo concernente l'attuazione della direttiva 2004/50/CE in materia di interoperabilità del sistema ferroviario transeuropeo convenzionale e ad alta velocità.
Atto n. 94.