Commissioni Riunite V e VIII - Resoconto di mercoledý 28 marzo 2007


Pag. 10

SEDE REFERENTE

Mercoledì 28 marzo 2007. - Presidenza del presidente della VIII Commissione Ermete REALACCI. - Interviene il sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare, Gianni Piatti.

La seduta comincia alle 15.30.

Sostegno e valorizzazione dei piccoli comuni.
Testo unificato C. 15 Realacci, C. 1752 Crapolicchio e C. 1964 La Loggia.
(Seguito dell'esame e rinvio).

Le Commissioni proseguono l'esame, rinviato il 27 marzo 2007.

Ermete REALACCI, presidente, avverte che sul testo unificato adottato come testo base dalle Commissioni riunite hanno espresso i pareri di competenza le Commissioni X (Attività produttive), XI (Lavoro), XII (Affari sociali) e XIV (Politiche dell'Unione europea), nonché la Commissione parlamentare per le questioni regionali.
Fa presente che la VII Commissione (Cultura) non ha invece ancora espresso il parere di competenza; infatti, sebbene la presidenza abbia cercato di sensibilizzare sulla questione il Presidente della VII Commissione, ciò non ha comunque consentito di realizzare le condizioni per l'espressione del parere. Osserva, pertanto, che in assenza di tale parere, ed in mancanza - allo stato - di una formale calendarizzazione del provvedimento in Assemblea, le Commissioni non possono procedere a conferire il mandato al relatore e sono costrette a rinviare il seguito dell'esame del provvedimento alla giornata di domani.

Massimo VANNUCCI (Ulivo), relatore per la V Commissione, osserva che la VII Commissione avrebbe avuto tutto il tempo per procedere all'espressione del parere di competenza, essendo peraltro già decorso il termine regolamentare di otto giorni dalla data di trasmissione della richiesta. Esprime, pertanto, il proprio rammarico per tale situazione, che, oltre ad impedire alle Commissioni riunite di concludere oggi l'esame in sede referente del testo unificato, non consente neanche di rinviare la seduta a domattina.

Luana ZANELLA (Verdi), nel dichiarare di non comprendere i motivi del ritardo nell'espressione del parere da


Pag. 11

parte della VII Commissione, atteso che le altre dieci Commissioni interpellate hanno già offerto il proprio contributo alle Commissioni riunite, auspica che l'assenza del citato parere non provochi l'eventuale «slittamento» del provvedimento nel calendario dei lavori dell'Assemblea.

Ermete REALACCI, presidente, nel confidare nell'espressione del parere della VII Commissione per la giornata di domani, assicura che l'eventuale mancanza di tale parere potrebbe comunque essere superata, qualora la prevista Conferenza dei presidenti di gruppo decidesse di inserire il provvedimento nel calendario dei lavori dell'Assemblea a partire dal prossimo lunedì 2 aprile.
Alla luce delle considerazioni emerse nel corso del dibattito, rinvia quindi il seguito dell'esame ad altra seduta, che sarà convocata per domani, giovedì 29 marzo 2007, alle ore 15.

La seduta termina alle 15.40.