VIII Commissione - Resoconto di mercoledý 18 aprile 2007

TESTO AGGIORNATO AL 19 APRILE 2007


Pag. 87

AUDIZIONI INFORMALI

Mercoledì 18 aprile 2007.

Audizione di rappresentanti dell'Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) sulle tematiche relative ai cambiamenti climatici.

L'audizione informale si è svolta dalle 14.05 alle 14.30.

SEDE CONSULTIVA

Mercoledì 18 aprile 2007. - Presidenza del presidente Ermete REALACCI.

La seduta comincia alle 14.30.

Ratifica Accordo Italia-Cina sulla cooperazione scientifica e tecnologica.
C. 2266 Governo, approvato dal Senato.
(Parere alla III Commissione).
(Esame e conclusione - Parere favorevole con osservazione).

La Commissione inizia l'esame.

Romolo BENVENUTO (Ulivo), relatore, osserva che il disegno di legge in esame riveste una particolare importanza per l'Italia, poiché prevede la ratifica di un


Pag. 88

accordo che sviluppa il quadro della collaborazione con un Paese strategico come la Cina, in un settore di estremo rilievo. L'accordo sottoscritto dall'Italia e dalla Cina il 9 giugno 1998 a Pechino riguarda, infatti, la cooperazione bilaterale nei settori della cultura, della scienza e della tecnologia e sostituisce il precedente accordo vigente in materia, firmato a Roma il 6 ottobre 1978. In proposito, segnala che l'articolo 1 dell'accordo impegna le Parti a favorire la cooperazione nei settori della cultura, della scienza e della tecnologia, in conformità con le rispettive legislazioni nazionali, mentre l'articolo 2 stabilisce che tale cooperazione avverrà specialmente in alcune aree, nel cui ambito sono espressamente richiamate, tra le altre, anche quelle dell'energia e dell'ambiente. L'articolo 3 elenca le forme di cooperazione scientifica e tecnologica, che si attueranno, tra l'altro, attraverso lo scambio di esperti, di informazioni e di conoscenze, lo sviluppo di progetti di ricerca, lo stabilimento di centri e laboratori, l'organizzazione di seminari e di corsi di formazione. Infine, l'articolo 5 prevede che le Parti partecipino congiuntamente ai programmi dell'Unione europea o di altre Organizzazioni multilaterali, stabilendo un collegamento tra attività di cooperazione bilaterale e programmi dell'Unione europea e di altri organismi multilaterali e costituendo tra i tre livelli della cooperazione (bilaterale, regionale europea e multilaterale) un nesso di complementarità teso a valorizzare la partecipazione delle istituzioni delle due Parti ad ambiti più vasti di collaborazione.
Quanto agli aspetti di più diretta competenza della VIII Commissione, giudica estremamente interessante la parte dell'accordo che stabilisce che la cooperazione tecnico-scientifica riguarderà anche i settori dell'energia e dell'ambiente, non a caso elencati congiuntamente nel testo dell'accordo medesimo. Allo stesso tempo, ritiene importante che tale cooperazione sarà incentrata sulla concreta collaborazione su specifici progetti di ricerca, in un quadro diretto ad implementare anche i programmi comunitari e internazionali. Per tali motivi, nel formulare una valutazione positiva sull'impianto dell'accordo, sottolinea l'opportunità che la cooperazione scientifica e tecnica possa interessare, tra gli altri, anche il versante dei cambiamenti climatici, considerato - in particolare - che la Cina non aderisce al Protocollo di Kyoto e, tuttavia, produce una ingente quantità di gas ad effetto serra, soprattutto a causa dell'utilizzo di fonti energetiche estremamente inquinanti come il carbone (che, peraltro, è previsto sia alla base di numerose nuove centrali di produzione elettrica progettate sul territorio cinese). In tal senso, la collaborazione tra i due Paesi potrebbe favorire anche un interscambio in termini di adozione, presso quella realtà, di più moderne tecnologie per il contenimento dell'inquinamento atmosferico e delle emissioni di CO2. Presenta, quindi, una proposta di parere favorevole con osservazione (vedi allegato 1), la cui finalità consiste nel raccomandare alla Commissione di merito la opportuna valutazione degli aspetti testé richiamati.

Ermete REALACCI, presidente, rileva che il parere della Commissione, pur non potendo ovviamente incidere sul contenuto dell'accordo, può comunque richiedere che le strategie di cooperazione Italia-Cina investano anche il settore dei cambiamenti climatici, poiché esiste un problema molto serio riguardo alla politica energetica cinese, che prevede la crescente realizzazione di centrali a carbone. Giudica, pertanto, opportuno l'avvio di un lavoro comune a livello scientifico, per favorire il confinamento e il sequestro di emissioni di CO2.

Romolo BENVENUTO (Ulivo), relatore, intervenendo per una precisazione, osserva che senza l'aiuto della Cina lo stesso Protocollo di Kyoto rischia di diventare inutile e non produttivo di risultati efficaci.
Nessun altro chiedendo di intervenire, la Commissione approva la proposta di parere del relatore.

La seduta termina alle 14.40.


Pag. 89

INDAGINE CONOSCITIVA

Mercoledì 18 aprile 2007. - Presidenza del presidente Ermete REALACCI.

La seduta comincia alle 14.40.

Indagine conoscitiva sull'industria del riciclo.

Audizione di rappresentanti dei Sistemi Collettivi istituiti per la gestione dei RAEE.
(Svolgimento e conclusione).

Ermete REALACCI, presidente, propone che la pubblicità dei lavori sia assicurata anche mediante impianti audiovisivi a circuito chiuso. Non essendovi obiezioni, ne dispone l'attivazione.
Introduce, quindi, l'audizione.

Giorgio ARIENTI, presidente del centro di coordinamento dei sistemi collettivi per la gestione dei RAEE, e Luca CREPALDI, rappresentante del Consorzio Valere, svolgono relazioni sui temi oggetto dell'audizione.

Interviene, per porre quesiti e formulare osservazioni, il deputato Salvatore MARGIOTTA (Ulivo).

Danilo BONATO, rappresentante del Consorzio Re.Media, fornisce ulteriori precisazioni.

Ermete REALACCI, presidente, ringrazia gli intervenuti e dichiara conclusa l'audizione.

Indagine conoscitiva sull'industria del riciclo.

Audizione di rappresentanti della Conferenza delle regioni e delle province autonome, dell'UPI e dell'ANCI.
(Svolgimento e conclusione).

Ermete REALACCI, presidente, propone che la pubblicità dei lavori sia assicurata anche mediante impianti audiovisivi a circuito chiuso. Non essendovi obiezioni, ne dispone l'attivazione.
Introduce, quindi, l'audizione.

Antonio RAGONESI, rappresentante dell'ANCI, e Angelo PALADINO, assessore della provincia di Salerno, svolgono relazioni sui temi oggetto dell'audizione.

Interviene il presidente Ermete REALACCI, a più riprese, per porre quesiti in ordine ai quali Angelo PALADINO, assessore della provincia di Salerno, fornisce ulteriori precisazioni.

Ermete REALACCI, presidente, ringrazia gli intervenuti e dichiara conclusa l'audizione.

La seduta termina alle 15.30.

N.B.: Il resoconto stenografico della seduta è pubblicato in un fascicolo a parte.

SEDE LEGISLATIVA

Mercoledì 18 aprile 2007. - Presidenza del presidente Ermete REALACCI. - Interviene il sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare, Bruno Dettori.

La seduta comincia alle 15.30.

Contributo al Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico del Club alpino italiano.
C. 1746-undevicies Governo.

(Discussione e approvazione).

La Commissione inizia la discussione.

Ermete REALACCI, presidente, ricorda che, ai sensi dell'articolo 65, comma 2, del


Pag. 90


Regolamento, la pubblicità delle sedute per la discussione in sede legislativa è assicurata anche tramite impianti audiovisivi a circuito chiuso. Dispone, pertanto, l'attivazione del circuito.
Avverte, quindi, che l'ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, nella riunione di ieri ha definito l'organizzazione della discussione del provvedimento, stabilendo altresì il tempo disponibile, ripartito ai sensi dell'articolo 25, comma 3, del Regolamento. Al riguardo, ricorda che la Commissione ha già esaminato in sede referente il disegno di legge n. 1746-undevicies e ha elaborato un nuovo testo, sul quale sono stati espressi i pareri da parte delle competenti commissioni. La Commissione ha, quindi, conferito al relatore il mandato a riferire favorevolmente in Assemblea su tale nuovo testo, che ha assunto il numero A.C. 1746-undevicies-A. Essendo stato, nel frattempo, richiesto il trasferimento di tale testo alla sede legislativa, ai sensi dell'articolo 92, comma 6, del Regolamento, ed essendosi verificati i necessari presupposti per dare seguito a questa richiesta, l'Assemblea ha deliberato, nella seduta di oggi, il predetto trasferimento di sede del provvedimento, che risulta ora assegnato in sede legislativa alla VIII Commissione.
Dichiara, quindi, aperta la discussione sulle linee generali.

Raffaella MARIANI (Ulivo), relatore, rinvia al contenuto della relazione scritta, predisposta per l'Assemblea sul nuovo testo del provvedimento in discussione, come risultante al termine dell'esame svolto in sede referente.

Il sottosegretario Bruno DETTORI esprime l'orientamento favorevole del Governo sul nuovo testo del disegno di legge in discussione.

Ermete REALACCI, presidente, nessun altro chiedendo di intervenire, dichiara chiusa la discussione sulle linee generali.
Avverte quindi che, non essendovi obiezioni, il seguito della discussione in Commissione verterà sul nuovo testo del disegno di legge n. 1746-undevicies, come risultante al termine dell'esame in sede referente, che si intende adottato come testo base (vedi allegato 2).

Non essendovi obiezioni, così rimane stabilito.

Ermete REALACCI, presidente, ricorda che sulla base di quanto convenuto nell'ambito della riunione, in precedenza richiamata, dell'ufficio di presidenza integrato dai rappresentanti dei gruppi al fine di consentire la conclusione della discussione entro la giornata di oggi, il termine per la presentazione di emendamenti al provvedimento è fissato alle ore 15.45.
Sospende brevemente la seduta, per consentire il decorso del termine per la presentazione di eventuali emendamenti.

La seduta, sospesa alle 15.35, è ripresa alle 15.50.

Ermete REALACCI, presidente, avverte che non sono stati presentati emendamenti al nuovo testo del disegno di legge in titolo, adottato come testo base. Comunica, quindi, le sostituzioni.

La Commissione approva, con distinte votazioni, gli articoli 1 e 2, ai quali non sono riferiti emendamenti.

Ermete REALACCI, presidente, nessuno chiedendo di intervenire per dichiarazione di voto, fa presente che si passerà direttamente alla votazione nominale finale del nuovo testo del disegno di legge in discussione, adottato come testo base.
Avverte, altresì, che la Presidenza si intende autorizzata al coordinamento formale del testo.

La Commissione approva, con votazione nominale finale, il nuovo testo del disegno di legge n. 1746-undevicies.

La seduta termina alle 15.55.

N.B.: Il resoconto stenografico della seduta è pubblicato in un fascicolo a parte.


Pag. 91

ATTI DEL GOVERNO

Mercoledì 18 aprile 2007. - Presidenza del presidente Ermete REALACCI. - Interviene il sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare, Bruno Dettori.

La seduta comincia alle 15.35.

Destinazione delle disponibilità del Fondo per gli investimenti per la difesa del suolo e la tutela ambientale per l'anno 2007.
Atto n. 79.
(Seguito dell'esame e conclusione - Parere favorevole con condizioni).

La Commissione prosegue l'esame, rinviato nella seduta del 4 aprile 2007.

Salvatore MARGIOTTA (Ulivo), relatore, presenta una proposta di parere favorevole con condizioni (vedi allegato 3), di cui illustra sinteticamente il contenuto e, in particolare, le condizioni in esso poste, che tengono conto anche dei chiarimenti forniti, nella precedente seduta, dal sottosegretario Piatti.

Aurelio Salvatore MISITI (IdV) invita il relatore a riformulare la proposta di parere, modificando la lettera c) del dispositivo, nel senso di indicare la percentuale di riduzione richiesta alla voce relativa al Gabinetto e agli uffici di diretta collaborazione del Ministro. Al riguardo, richiama infatti la necessità di procedere ad un riallineamento con analoghe voci di altri ministeri.

Il sottosegretario Bruno DETTORI fa presente che i principali interventi di cui alla voce richiamata dal deputato Misiti riguardano l'eventuale insorgenza di emergenze ambientali che richiedano investimenti di natura immediata. In ogni caso, osserva che la consistenza della voce non risulta difforme rispetto agli anni precedenti.

Ermete REALACCI, presidente, nel rilevare che non sussistono - allo stato - le condizioni per indicare una precisa quantificazione della quota di riduzione della voce relativa al Gabinetto e agli uffici di diretta collaborazione del Ministro, fa presente che la proposta di parere del relatore indica comunque un concreto impegno al Governo circa le modalità dell'utilizzo futuro del fondo destinato agli investimenti.

Aurelio Salvatore MISITI (IdV) fa presente che l'eventuale intenzione di non modificare la proposta di parere da parte del relatore non gli consentirà di condividere l'impianto del provvedimento. Poiché, infatti, non ritiene condivisibile la metodologia adottata dal Governo nella determinazione dello stanziamento in precedenza richiamato, preannuncia il suo voto contrario sulla proposta di parere in caso di una sua conferma da parte del relatore.

Salvatore MARGIOTTA (Ulivo), relatore, preso atto della sostanziale condivisione della sua proposta di parere da parte della maggioranza dei gruppi in Commissione, rileva che non vi sono le condizioni per prospettare una modificazione della proposta medesima.

La Commissione approva, quindi, la proposta di parere favorevole con condizioni presentata dal relatore.

La seduta termina alle 15.50.

UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI

Mercoledì 18 aprile 2007.

L'ufficio di presidenza si è riunito dalle 15.55 alle 16.