Giunta delle elezioni - Resoconto di giovedý 27 settembre 2007


Pag. 3


Giovedì 27 settembre 2007. - Presidenza del presidente Donato BRUNO.

La seduta comincia alle 8.50.

Comunicazioni del Comitato permanente per le incompatibilità, le ineleggibilità e le decadenze.

Donato BRUNO, presidente, sostituendo il deputato Nespoli, coordinatore del Comitato permanente per le incompatibilità, le ineleggibilità e le decadenze, e in esito all'istruttoria in contraddittorio finora svolta dal Comitato sulle cariche ricoperte dai deputati, ai fini del giudizio di compatibilità con il mandato parlamentare, propone, a nome del Comitato medesimo, ai sensi dell'articolo 16, comma 2, lettera a), del regolamento della Giunta, che la Giunta prenda atto, per i seguenti deputati, dell'avvenuta cessazione dalle cariche di seguito riportate:
DANTE D'ELPIDIO, cessato dalla carica di componente del collegio dei revisori dei conti della Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Teramo, in rappresentanza del Ministero dello sviluppo economico, in data 12 giugno 2007;
GIOVANNI FAVA, cessato dalla carica di presidente del consiglio di amministrazione di Econord Servizi ambientali s.r.l. in data 31 agosto 2007 e dalla carica di presidente del consiglio di amministrazione di Team Ambiente s.p.a. in data 7 settembre 2007;
GIAN LUCA GALLETTI, cessato dalla carica di sindaco effettivo di Sedici Banca s.p.a. in data 12 settembre 2007 e dalla carica di sindaco effettivo di Plusvalore s.p.a. in data 18 settembre 2007;
SESTINO GIACOMONI, cessato dalla carica di consigliere di amministrazione di SACE s.p.a. (Servizi assicurativi del commercio estero) in data 28 maggio 2007 e dalla carica di consigliere di amministrazione di Polieco (Consorzio obbligatorio per il riciclaggio dei rifiuti di beni in polietilene) in data 22 dicembre 2006;
PASQUALINO GIUDITTA, cessato dalla carica di presidente e consigliere di amministrazione dell'Autorità d'Ambito territoriale Calore Irpino (AATO 1) in data 11 giugno 2007;
DANIELE MARANTELLI, cessato dalla carica di consigliere e vicepresidente di Sud Milanese s.r.l. in data 15 giugno 2007;


Pag. 4


FEDERICA ROSSI GASPARRINI, cessata dalla carica di presidente del Fondo pensione complementare famiglia in data 15 giugno 2007.

La Giunta prende atto.

Donato BRUNO, presidente, avverte che per le restanti cariche dichiarate dai deputati il Comitato per le incompatibilità sta proseguendo l'istruttoria, che dovrà terminare in tempi tali da consentire alla Giunta di procedere alle deliberazioni sulle conseguenti proposte del Comitato nel rispetto del termine di 18 mesi dalle elezioni, previsto dall'articolo 17, comma 1, del Regolamento della Camera, che risulta fissato per il 10 ottobre 2007.

Gregorio FONTANA (FI) tiene a precisare che, oltre alle cariche della cui cessazione la Giunta ha testé preso atto e che pertanto non costituiscono più oggetto di esame da parte del Comitato, su diverse altre cariche è ancora in corso l'istruttoria.

Donata LENZI (Ulivo) preannuncia l'intenzione di intervenire con considerazioni integrative in merito ai criteri interpretativi di valutazione delle incompatibilità sui quali la scorsa settimana il presidente ha fatto pervenire ai componenti del Comitato una apposita nota istruttoria.

Donato BRUNO, presidente, fa presente alla deputata Lenzi che dedicherà la prossima settimana una specifica riunione del Comitato all'approfondimento dei criteri di valutazione delle incompatibilità, alla quale si augura possano partecipare deputati di tutti i gruppi.

Sui lavori della Giunta.

Gregorio FONTANA (FI) ricorda che domenica scorsa sono stati rinvenuti a Roma, abbandonati in prossimità di alcuni cassonetti di raccolta dei rifiuti, scatoloni contenenti schede elettorali relative alle elezioni amministrative circoscrizionali svoltesi a Roma nel 2001. Mentre su tale vicenda, seppur riferita a schede elettorali che avrebbero potuto essere inviate allo scarto già da alcuni anni, la procura della Repubblica presso il tribunale di Roma ha aperto un'inchiesta, non altrettanto, a quanto risulta, è finora avvenuto per i numerosi casi, comunicati dal presidente Bruno alla Giunta, di smarrimento o distruzione di circa cinquantamila schede valide delle elezioni politiche del 2006 che la Giunta aveva richiesto di acquisire nell'ambito della sua attività di verifica. Ritiene, pertanto, necessario, anche alla luce della segnalazione già inoltrata al ministro della Giustizia in occasione della vicenda di Legnano, che la Giunta assuma in tempi rapidi tutti gli elementi in grado di consentire la ricostruzione del numero esatto di schede elettorali relative alle ultime elezioni politiche andate distrutte o smarrite e di verificare le responsabilità in capo a coloro che avevano per legge il compito di provvedere alla loro custodia sino alla fine della attuale legislatura. Osserva, in conclusione, che una iniziativa di questo tipo da parte della Giunta è tanto più necessaria in un momento nel quale il prosieguo dell'attività del Comitato di verifica nazionale è condizionato, come la sua parte politica richiede, all'approvazione della proposta di modifica regolamentare presentata dai gruppi del centro-destra, che sola consentirebbe di concludere la verifica avviata dalla Giunta.

Donato BRUNO, presidente, nel ricordare al deputato Fontana di essersi già impegnato a convocare un'apposita seduta della Giunta da dedicare al tema da lui richiamato e nella quale è sua intenzione formulare alcune proposte al riguardo, ritiene che la Giunta possa tornare a riunirsi mercoledì 3 ottobre dalle ore 14 alle ore 16,30.

Maria Cristina PERUGIA (RC-SE), nel ritenere importante che a tutti i deputati componenti la Giunta sia assicurata la possibilità di partecipare ai lavori della stessa, preferirebbe che la Giunta procedesse nei suoi lavori il pomeriggio del


Pag. 5

giovedì piuttosto che convocarsi in concomitanza con i lavori delle Commissioni permanenti.

Gregorio FONTANA (FI) concorda con l'esigenza manifestata dalla deputata Perugia ma ritiene che la stessa possa essere soddisfatta stabilendo che le sedute della Giunta si svolgano al mattino prima dell'inizio dei lavori dell'Assemblea. Segnala, in ogni caso, la sua impossibilità a partecipare ad una eventuale seduta della Giunta qualora fosse convocata il pomeriggio di giovedì 4 ottobre, dovendo partecipare allo svolgimento di interrogazioni a risposta immediata in Commissione.

Donato BRUNO, presidente, osserva che, al fine di conciliare le esigenze di tutti i colleghi, la Giunta potrebbe riunirsi il martedì mattina per un paio d'ore prima dell'inizio dei lavori antimeridiani dell'Assemblea. Propone, pertanto, di fissare la discussione in Giunta plenaria delle tematiche relative alla conservazione delle schede elettorali e la discussione in Comitato sui criteri di valutazione delle incompatibilità per la mattinata di martedì 2 ottobre.

Felice BELISARIO (IdV) fa presente che martedì prossimo gli sarebbe impossibile partecipare ai lavori della Giunta.

Donata LENZI (Ulivo), nel considerare necessario che tutti i gruppi possano essere presenti alla prossima seduta della Giunta dedicata alla discussione dei temi indicati dal presidente, propone, come alternativa, di convocare la Giunta in due distinte sedute, da dedicare a ciascuno dei predetti argomenti, nella mattinata dei prossimi due giovedì, prima dell'inizio dei lavori antimeridiani dell'Assemblea.

Gianfranco BURCHIELLARO (Ulivo) ritiene che, dopo le due sedute consecutive da convocare il giovedì mattina così come proposto dalla collega Lenzi, le sedute della Giunta dovrebbero in via ordinaria tenersi il martedì mattina, prima dell'inizio dei lavori dell'Assemblea.

Donato BRUNO, presidente, si riserva di convocare un eventuale Ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, per la mattina di martedì 2 ottobre qualora fossero nel frattempo intervenute modifiche nell'articolazione dei lavori dell'Assemblea e delle Commissioni. In caso contrario, avverte che il Comitato per le incompatibilità e la Giunta si riuniranno rispettivamente nelle mattinate di giovedì 4 ottobre e giovedì 11 ottobre, prima dell'inizio dei lavori antimeridiani dell'Assemblea, per procedere alla discussione dei temi sopra indicati.

La seduta termina alle 9.10.

COMITATO PERMANENTE PER LE INCOMPATIBILITÀ, LE INELEGGIBILITÀ E LE DECADENZE

Il Comitato, che si è riunito dalle 9.10 alle 9.20, ha proseguito l'istruttoria sulle cariche ricoperte dai deputati ai fini del giudizio di compatibilità con il mandato parlamentare.