XIV Commissione - Giovedý 17 gennaio 2008


Pag. 104

ALLEGATO 1

DL 248/2007: Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria (C. 3324 Governo).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La XIV Commissione (Politiche dell'Unione europea),
esaminato il disegno di legge C. 3324 Governo, di conversione in legge del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria;
sottolineato, in particolare, come l'articolo 42, comma 2 del provvedimento introduca opportunamente il parametro del rispetto degli adempimenti previsti dalla normativa comunitaria relativamente ai controlli sulla spesa nella normativa di riforma della Banca d'Italia e delle altre autorità indipendenti, prevista dall'articolo 3, comma 45, della legge finanziaria per il 2008,
esprime

PARERE FAVOREVOLE.


Pag. 105

ALLEGATO 2

DL 249/2007: Misure urgenti in materia di espulsioni e di allontanamenti per terrorismo e per motivi imperativi di pubblica sicurezza (C. 3325 Governo).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La XIV Commissione (Politiche dell'Unione europea),
esaminato il disegno di legge C. 3325 di conversione in legge del DL 249/2007, recante misure urgenti in materia di espulsioni e di allontanamenti per terrorismo e per motivi imperativi di pubblica sicurezza;
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con le seguenti osservazioni:
valuti la Commissione di merito l'opportunità di formulare il comma 1 dell'articolo 3 nel senso di evidenziare che il provvedimento di allontanamento del familiare del cittadino dell'Unione europea non può essere inteso in termini di responsabilità oggettiva del familiare stesso, ma deve essere giustificato da esigenze di prevenzione del terrorismo, secondo quanto previsto dall'articolo 3, comma 1, del decreto-legge 27 luglio 2005, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n. 155, ed è sottoposto al rispetto dei princìpi, ai criteri ed alle garanzie in materia di limitazioni al diritto di ingresso e di soggiorno per motivi di ordine pubblico o di pubblica sicurezza fissati dalla direttiva 2004/38/CE, ora recepita dal decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30;
valuti la Commissione di merito l'esigenza di formulare il comma 2 dell'articolo 3 nel senso di uniformarlo maggiormente al disposto dell'articolo 30, par. 1, della direttiva 2008/34/CE, prevedendo espressamente che il provvedimento di allontanamento sia adottato secondo modalità che consentano all'interessato di comprenderne effettivamente il contenuto e le conseguenze;
valuti infine la Commissione di merito l'opportunità di precisare, secondo quanto indicato nella premessa n. 31 della direttiva 2004/38/CE, che le misure di espulsione e di allontanamento previste dagli articoli 3 e 4 debbano comunque rispettare il principio di non discriminazione di cui all'articolo 21 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, da ultimo proclamata dal Parlamento europeo, dal Consiglio e dalla Commissione il 13 dicembre 2007.