Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

Vai al Menu di navigazione principale

Stemma della Repubblica Italiana
Repubblica Italiana
Bandiera Italia Bandiera Europa

Inizio contenuto

Il raccordo tra le Assemblee Legislative Riunione interistituzionale promossa dal Comitato per la legislazione


In occasione della presentazione del Rapporto 2006 sulla legislazione tra Stato, Regioni e Unione europea, si svolta una discussione sul tema: “il processo di europeizzazione degli ordinamenti nazionali e di nazionalizzazione delle politiche europee”, presso la Sala della Lupa, lunedì 22 gennaio 2007, ore 15.00 – 18.30.
Il Rapporto annuale sulla legislazione della Camera dei deputati, fin dalla sua prima edizione nel 1998, risponde all’esigenza di una visione di insieme e guarda alla dinamica reale delle politiche legislative in atto tra Stato, Regioni ed Unione europea ed alla loro natura intersettoriale e interterritoriale. Il Rapporto è introdotto da una Nota di sintesi, che sviluppa una chiave di lettura del fenomeno legislativo sulla base di una speciale ricerca sul campo, finalizzata a mettere a fuoco il sistema Stato, Regioni e Unione europea.
Il Rapporto 2006 sulla legislazione tra Stato, Regioni e Unione europea è stato redatto con la collaborazione degli uffici legislativi delle Assemblee regionali e il contributo dell’Istituto di studi sui Sistemi Regionali Federali e sulle Autonomie del CNR, diretto dal prof. Antonio D’Atena, che ha curato la parte “Tendenze e problemi della legislazione regionale”, e dell’Osservatorio sulle fonti dell’Università di Firenze, diretto dal prof. Paolo Caretti, che ha curato l’analisi della giurisprudenza della Corte costituzionale in materia di rapporti tra Stato e regioni.
Nel Rapporto 2006, la Nota di sintesi guarda al sistema dal punto di vista dell’Unione europea e nasce da una ricerca su 5 politiche “campione” in vari Paesi membri. Quattro di esse sono politiche legislative aventi origine comunitaria: a) organismi geneticamente modificati (OGM); b) comunicazioni elettroniche; c) finanza pubblica; d) energia. La quinta politica è di rango costituzionale e riguarda le norme delle Costituzioni nazionali che contengono riferimenti espliciti o impliciti all’Unione europea.
Le indicazioni che emergono dalla ricerca evidenziano il duplice processo di europeizzazione degli ordinamenti nazionali e di nazionalizzazione di principi e norme europee nel contesto dei singoli ordinamenti.


Fine contenuto

Vai al menu di navigazione principale